sabato 9 aprile 2011

Recensione: Clarins fondotinta Teint Eclat Mat #02 Clair Subtil

Trovare il giusto fondotinta è come cercare il Santo Graal. Non a caso le americane usano il termine “Holy Grail” per indicare il loro preferito. È una lunga ricerca della giusta consistenza, copertura, colore, sotto-tono, durata… Leggende narrano di donne che hanno dovuto accontentarsi di un fondotinta non adatto a loro per tutta la vita. Teint Eclat Mat di Clarins sarà un Santo Graal aureo o solo un vecchio calice?

Prezzo: 31,50 euro (variabile) Quantità: 30 ml
Rivenditori: Profumerie concessionarie Clarins, FeelUnique.com PAO: 12 mesi
Provenienza: Made in France Colori disponibili: 6

Dal sito Clarins: Splendore senza lucidità, effetto “mat” e perfezione assicurati alla pelle mista o grassa. Non grasso, oil-free, garantisce coprenza elevata senza spessore, splendore “ultra-mat”, freschezza in ogni situazione, comfort estremo e protezione dai raggi UV e dalle aggressioni ambientali.
Aprendo la scatola rossa che lo contiene troviamo, oltre al fondotinta, due foglietti: si tratta delle istruzioni per l’uso e di un questionario da rispedire per ricevere consigli e campioni gratuiti. Solitamente sono critica verso le confezioni ingombranti e i foglietti che ripetono ciò che è scritto sul prodotto, ma in questo caso la confezione esterna e il tubetto hanno le istruzioni solo in inglese e francese e in un prodotto di questa fascia di prezzo la mancanza della traduzione darebbe un’impressione di trascuratezza. Suggerirei di sostituire il questionario da inviare per posta con un codice da inserire su Internet per accedere alle domande e richiedere i campioncini: più rapido e moderno. Non ho ancora inviato il questionario (pigrizia!) ma la Clarins aveva già risposto in passato a delle mie domande inviando anche dei campioni.


Il fondotinta si presenta in un sobrio tubetto piatto bianco e rosso con tappo argentato. Il prodotto ha una consistenza liquida e non untuosa e un delicato profumo fiorito. Il colore #02 Clair Subtil, il più chiaro in Italia, ha sotto-tono giallo/neutro. È una descrizione poco esaustiva, se può aiutarvi un altro fondotinta che mi calza a pennello è il Max Factor Colour Adapt #40 Creamy Ivory. Ha un filtro solare SPF 15, comodo in città e in giornate uggiose, ma è meglio affidarsi a un solare vero e proprio durante l’estate o le giornate all’aria aperta. Per altre informazioni sull’uso dei solari vi consiglio il blog di Giò, Beautiful with Brains.

Particolare del dosatore.

Va agitato prima dell’uso. L’applicatore a beccuccio permette di dosare parsimoniosamente il prezioso liquido. Grazie alla sua consistenza Teint Eclat Mat non risulta pesante ma ha una buona coprenza, anche se per le occhiaie necessito comunque del correttore. Applicandolo con un pennello piatto da fondotinta è necessario prenderci la mano, soprattutto se usavate prodotti molto cremosi, ma una volta abituate si ottengono ottimi risultati. Stesso discorso con un duo-fibre. Non amo invece applicarlo con i polpastrelli, trovo che assorbano prodotto, anche se la resa estetica è eccellente. A causa della consistenza liquida trovo inadatta anche la spugnetta. Comunque venga applicato, è bene aspettare qualche minuto prima di applicare la cipria (consiglio valido per tutti i fondotinta).


Durante la giornata rimane leggero e confortevole, se applicato in piccole quantità non si infila tra le rughette a lato delle labbra. La durata è eccellente: solo dopo più di sei ore ho avuto la necessità di usare una salvietta opacizzante per ritornare perfetta. Successivamente ho avuto bisogno di un ritocco dopo altre cinque ore. A fine giornata accentua i pori dilatati e ossida un poco ma sulla mia pelle molti fondotinta a questo punto erano un completo disastro! Ha un solo difetto, oltre al prezzo: evidenzia le zone secche.

Per me è un signor fondotinta, ottimo per le pelli miste e grasse. La tonalità #02 è da provare se avete difficoltà a trovare fondotinta abbastanza chiari.


INCI: Active Ingredient: Titanium Dioxide 10%. Other: Aqua/Water, Cyclopentasiloxane, Cyclomethicone, Methyl Methacrylate Crosspolymer, Butylene Glycol, Isododecane, Bis-PEG/PPG-14/14 Dimethicone, Sodium Chloride, Cetyl Dimethicone, Polyglyceryl-3 Poly-Dimethylsiloxyethyl Dimethicone, Glycerin, PEG/PPG-20/15 Dimethicone, Aluminum Hydroxide, Stearic Acid, Caprylyl Glycol, Silica Dimethyl Silylate, Parfum/Fragrance, Disteardimonium Hectorite, Disodium EDTA, Triethoxycaprylylsilane, Silica, Lamium Album Flower Extract, Sorbic Acid, Alcohol, Castanea Sativa (Chestnut) Bark Extract, Phenoxyethanol, Biosaccharide Gum-4, Carbomer, Lapsana Communis Extract, Camellia Sinensis Leaf Extract, Potassium Sorbate. [+/-] May Contain: CI 77891/Titanium Dioxide, CI 77019/Mica, CI 77491, CI 77492, CI 77499/Iron Oxides.

6 commenti:

  1. Anch'io l'ho provato in passato e posso dire senza dubbio che era il mio fondo preferito prima di passare all'eco-bio! Duraturo, uniformante, no effetto mascherone e zero lucidità...e il prezzo non è assurdo come quello di altri colleghi che si trovano sempre in profumeria.

    RispondiElimina
  2. Esatto! Diciamo che vale i soldi che spendi.

    RispondiElimina
  3. ciao cara! c'è un regalino per te nel mio blog :*
    http://sydia-mybeautyspace.blogspot.com/2011/04/sunshine-award-2011.html

    RispondiElimina
  4. Uso questo fondotinta (stesso colore tra l'altro) da qualche anno e non lo cambierei per niente al mondo. Ne ho provati molti, anche più costosi, prima di trovare questo della Clarins. A me piace tantissimo, mi da un effetto naturale usando poco prodotto, quindi una confezione mi dura tantissimo. Non mi interessa se dopo qualche ora divento un po' lucida o se non copre tutti i difetti: è normale visto che appunto ne uso poco e principalmente per uniformare l'incarnato. Quando ho voluto un effetto più duraturo e "pro", ne ho usato un po' di più e sono arrivata a fine giornata in condizioni accettabilissime! :D
    Dopo il fondotinta uso la cipria effetto seta della Collistar, 01, e anche questa è ormai un must per me.
    E' capitato un sacco di volte che qualcuno si sia complimentato con me per la mia pelle (brutta, mista, tendente all'acne e ai rossori, uno schifo per me) e a malincuore ho dovuto ammettere che era merito del trucco lasciando tutti stupiti perché a detta loro, "non sembra proprio che hai il fondotinta!". :D

    RispondiElimina
  5. È vero Cinzia, è molto modulabile e ha un effetto naturale.

    RispondiElimina

I commenti sono sempre graditi, ma niente spam, "Ci seguiamo a vicenda?" e link non pertinenti o la furia di Chuck Norris si scatenerà contro di voi!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...