sabato 21 maggio 2011

Ponderando: Manifesto Propaganda

Credits
Riflessione rassegnata su un argomento per nulla cosmetico: le affissioni elettorali.

Nel periodo elettorale la città mostra un nuovo volto. Anzi, molti di più. Decine di faccioni e simboli colorati tappezzano muri, piazze, striscioni, auto. In forma di “santini” sorridono sicuri dalle nostre cassette postali, vengono calpestati sui marciapiedi da pedoni distratti e infine, se va bene, riempiono le pattumiere gialle della carta.

Ognuno ha la libertà di scegliere chi votare per i motivi che più gli aggradano. Ma qualcuno ha mai scelto un candidato solo perché la sua faccia lo aveva particolarmente colpito? Ci sono mille modi per scegliere a chi dare il nostro voto, qualcuno è molto più disdicevole di scegliere un viso a caso ma machiavellicamente parlando almeno ha senso. A questo punto mi chiedo perché sia permesso imbrattare le città con centinaia di manifesti, quasi sempre affissi abusivamente. Non bastano televisioni, giornali, radio e Internet? Gli stessi politici parlano di emergenza rifiuti, di limitare gli sprechi e poi giù quintali di carta incollata, immagino non riciclabile! E un colpo di spugna laverà via le multe per affissione abusiva.

Intendiamoci: non sono la persona che vive solo dell’essenziale, sono dell’idea che se qualcosa può essere utile o piacevole per qualcuno e non danneggia in misura maggiore altri, ben venga. Questi manifesti offendono l’estetica cittadina, l’ambiente, le casse comunali (chi pagherà lo smaltimento di quelli abusivi secondo voi?) e dubito seriamente che siano utili per influenzare l’elettorato. Semmai sono un modo per scegliere chi NON votare. Una persona che si candida a sindaco, che si impegna ad avere cura di una città e comincia già a rimboccarsi le maniche insozzando dappertutto merita davvero quella carica?

Durante questa campagna elettorale per le amministrative ho visto una chicca che mi pento di non aver potuto fotografare. Ero in auto nella centrale via Dante a Cagliari, vicino ad un semaforo. A lato, nell’isola spartitraffico sulla quale non si dovrebbe transitare, ci sono le solite auto in sosta vietata con le quattro frecce. Se non conoscete Cagliari potete sempre farvi una passeggiata virtuale su Google Streetview, le auto in sosta vietata sono anche lì. E dire che la foto sembra anche scattata in un momento di scarso traffico. Tornando al discorso, tra le auto parcheggiate “creativamente” giusto il tempo di fare una commissione ce n’era una interamente coperta di manifesti elettorali, solo parabrezza e finestrini anteriori liberi. Nessun conducente all’interno, almeno si erano risparmiati l’ipocrisia ridicola delle quattro frecce. Non ricordo il nome del candidato che ha ritenuto questo scempio un modo efficace di pubblicizzarsi, altrimenti lo avrei candidamente scritto.

Forse dovremmo apprezzare la sincerità di chi si propone in questo inquinante modo. Elettore avvisato, mezzo salvato…

7 commenti:

  1. Non posso davvero aggiungere alcunchè, guasterei inevitabilmente lo splendido, sardo risultato del tuo serafico sarcasmo

    Ti dico solo questo: ti sto adorando :)

    RispondiElimina
  2. Concordo pienamente! Hai ragione su tutta la linea! =)

    RispondiElimina
  3. Non posso che essere d'accordo con tutto ciò che dici. Che senso ha promettere una città più pulita, più ordinata, più *qualcosa* e poi imbrattarla con la propria brutta faccia? Quella della macchina è poi assolutamente inquietante XDDDD

    RispondiElimina
  4. mamma mia è una vergogna guarda! la penso esattamente come te! nelle comunali della mia città per la prima volta ho visto una cosa che ho apprezzato parecchio da parte del partito 5 stelle di Grillo (a prescindere da che opinioni uno abbia su di lui), ovvero hanno affisso 2 soli manifesti in tutta la città in cui era scritto una cosa tipo: non sprechiamo soldi e carta per la pubblicità, se vi interessano le nostre idee informatevi sul sito wwww..... :)

    RispondiElimina
  5. @Takiko: Inquietante e violava almeno due leggi: sosta vietata e... divieto d'affissione? Uno scempio.

    @Marta: Quella è un'iniziativa davvero notevole. Da noi hanno comunque usato i manifesti, anche se in modo meno "massiccio" rispetto ai concorrenti.

    RispondiElimina

I commenti sono sempre graditi, ma niente spam, "Ci seguiamo a vicenda?" e link non pertinenti o la furia di Chuck Norris si scatenerà contro di voi!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...