sabato 28 maggio 2011

Tag: My Makeup Story

Credits

Buon fine settimana, col caldo e la domenica alle porte nessuno vuole leggere/scrivere post impegnativi e quindi vi propongo questo tag. Non so da dove provenga, ma l’ho trovato sul blog di MiKi/Spectrum Personae.

1. Quanti anni avevi quando hai cominciato a truccarti?
Qualche esperimento lo facevo già a 4 anni con i trucchi della mamma e diverse volte sono stata truccata (torturata è più corretto) per recite e Carnevale. Ho iniziato a truccarmi abitualmente a 15 anni e mezzo, alla fine della seconda superiore. Immagino che per le ragazze di oggi sarà un’età avanzata per cominciare, ma allora nella mia classe non si truccava nessuna, a parte le pluri-ripetenti. Col senno di poi, vorrei aver aspettato: troppi pasticci!

2. Come ti sei appassionata al trucco?
Non saprei dirlo. Posso raccontarvi come mi sono appassionata ai cosmetici “esotici”: acquistavo vestiti su Asos e un giorno notai la sezione Beauty. Guardando i prodotti rimasi folgorata dalla bellissima boccetta del Primer Potion Urban Decay. Non avendo mai sentito questa marca feci qualche ricerca e da quel punto venni risucchiata nel vortice di beauty blog e acquisti on-line.

3. Quali sono le tue marche preferite?
Ne amo troppe per poter scegliere.

4. Cosa significa il trucco per te?
Da una parte significa non costringermi a mostrare la mia brutta faccia struccata, dall’altra è un modo per giocare con il proprio look.

5. Se potessi metterti solo 4 prodotti sul viso, quali sarebbero?
Correttore, cipria, mascara e kajal nero. Se posso indossare gli occhiali da sole, via il kajal e vado di rossetto rosso.

6. Qual è la cosa che preferisci del trucco?
Ti regala una nuova faccia ogni volta che vuoi. Beh, non esattamente nuova… Un poco differente.

7. Cosa pensi delle marche meno costose rispetto a quelle più care?
Che in molti non hanno capito come funziona il mercato del lusso! Non ha senso confrontare Chanel con Maybelline, non perché la prima sia superiore alla seconda, ma perché sono prodotti diversi destinati a soddisfare bisogni diversi. Comprando Maybelline compro un prodotto. Può essere buono o meno, ma non è certo uno status symbol o un modo per gratificare sé stessi o qualcun altro. Comprando Chanel e compagnia compro prima di tutto uno status symbol, poi un prodotto. E lo status che ostento è alla fine il denaro, a prescindere dall’efficacia del prodotto che, sebbene generalmente buona, non vale sicuramente quanto speso.
Per fare un esempio: i nuovi ombretti Giorgio Armani Eyes to Kill Intense sembrano molto simili ai L’Oréal Color Infaillible. L’inci è lo stesso, il coperchietto anche, la descrizione è molto simile, alcuni swatches in rete pure. E Giorgio Armani Cosmetics è parte della L’Oréal. Ma se mi regalassero i GA farei questa faccina *_*, per i L’Oréal questa :)

8. Che tipo di consiglio daresti a chi è alle prime armi col trucco?
Fai buon uso di tutti i consigli che trovi via blog e Youtube, non pretendere troppo da te stessa ma esercitati tanto. E sii te stessa, nulla è peggio che indossare un trucco che non ci fa sentire a nostro agio.

9. Quali trend di make up non hai mai compreso?
Il mascara colorato. Va bene, è figo, però è troppo innaturale, non vedo occasioni per usarlo. Aggiungo anche le unghie a stiletto. Devo elencarvi le motivazioni estetico-igienico-socio-pratico-erotico-sanitarie che me le fanno aborrire? Occhiolino

10. Cosa pensi della community sul tubo?
Non amo guardare video. Leggo molto veloce e quello che una video-recensione dice in dieci minuti riesco a leggerlo in tre. E poi stanno diventando trooooooooooppo lunghi! Che ti ha fatto il genere umano per volergli far perdere un quarto d’ora di vita infarcendo il tuo video di “cioè, ehm” , “Questo me lo ha regalato il moroso, carino lui”, “Pucci pucci sento odor di fragolucci”. E le fan mi sembrano troppo esaltate, sembrano seguaci di un culto pagano!

23 commenti:

  1. è sempre divertente leggere questo tipo di post. Ci si conosce meglio così. Baci

    RispondiElimina
  2. questo l'ho fatto anche io qualche mese fa XD

    3. qualche nome potevi farlo dai, sbottonati XD

    7. confesso che non sapevo che Giorgio Armani make up facesse parte della L'Oreal. Ho swatchato gli eyes to kill per curiosita' (ne parlava bene Clio, Christine di Temptalia li adora, e il viola e' spettacolare) ma 28 euro per un singolo colore mi pareva un furto. Ora che so che e' L'Oreal mi e' passata completamente ogni fantasia.
    Condivido la faccenda dello status symbol pero'... son profondamente convinta che la gente compri gli smalti Chanel perche' sono Chanel e son quelli che cominciano i trends, perche' i dupe ci sono, e gli originali non hanno neanche fama di durare tanto... io per 20 euro vorrei uno smalto che mi durasse un mese XD

    8. quoto

    9. io amo i mascara colorati anche se adesso non ne ho nessuno... le occasioni di utilizzo penso varino da persona a persona pero', io in passato ne ho inseriti anche in trucchi normalissimi (e il mio sogno nel cassetto del momento e' quello verde acqua di Pupa ma costa e non ho ben capito la politica verso gli animali di Pupa, che e' uno dei motivi per cui ne guardo le cose ma non caccio soldi)

    10. io le recensioni le ascolto e guardo giusto quando si parla di swatches, se serve XD

    RispondiElimina
  3. Mi hanno fatto sorridere alcune tue risponde, soprattutto l'ultima riga :-)
    Per quanto riguarda invece qualcosa un pò più su...io non credo affatto che tu abbia una brutta faccia struccata, proprio no. Ma il trucco aiuta un pò tutte, belle e meno belle. Oddio, non proprio tutte...ci sono ragazze che secondo me rendono al meglio quando non si mettono nulla :-) baci.

    RispondiElimina
  4. Vedi, secondo me il "mercato del lusso" ha difficoltà a capirlo chi, come me, non ne subisce affatto il fascino. Io capisco come funzioni, ma ciò non toglie che certi marchi non mi mandino in visibilio per niente, anzi, mi facciano antipatia. Solo perché un sarto francese, cinquant'anni fa, ha avuto successo, io dovrei spendere trenta euro per un rossetto che non ha niente di speciale, realizzato dalla stessa becera multinazionale che fa quello che ho comprato a dieci euro?
    E non mi ispirano raffinatezza, che per me è qualcosa di molto diverso e lontano e forse addirittura opposto rispetto alla stucchevole sbobba dorata che questi signori ci impongono. Mi sanno invece di donna di mezza età improfumata e mèchata, con le chiavi del suv che penzolano adlla mano avvizzita dalle lampade xD... non mi ci vedo a usarli... nessuna magia, per me! Quindi capirai che, dal mio punto di vista "disncantato", sia praticamente impossibile non rimanere a bocca aperta davanti all'acquisto di mia suocera che ha speso 40 euro per una terra IDENTICA alla mia terra Essence. Giuro! xD
    Poi c'è da dire che bisogna fare una distinzione: una cosa sono Chanel Dior, il lusso (?)e compagnia bella, un'altra i marchi specifici e professionali: quelli hanno alcuni prodotti particolari, e in alcuni casi può valere la pena acquistarli. E i prezzi mi sembrano comunque inferiori rispetto a quelli di Dior e amichetti vari.
    P.s.: esiste davvero gente che va in giro con le unghie a stiletto? xD

    RispondiElimina
  5. Risponderei a molte domande come te, nella 5 avrei risposto in modo identico e poi le "unghie a stiletto" nella mia ignoranza non sapevo come erano e sono andata a guarda :O ma quelle non sono unghie sono artigli...orrende.

    RispondiElimina
  6. LOL ho adorato tutto il post ma in particolare l'ultimo punto :D
    Concordo, sul fatto delle video recensioni, non le sopporto ed è uno dei motivi per cui sono approdata su blogger!
    Ascolto volentieri venti minuti di chiacchiere vlog ma dieci minuti di parole inutili su un prodotto mi stancano e annoiano da morire, quando leggo review nel titolo nemmeno le apro ;)

    RispondiElimina
  7. Le fan esaltate sono uno dei motivi per cui pure io sto iniziando a mal sopportare il tubo. E poi c'è la mancanza di saper accettare critiche costruttive dall'altra parte.

    E concordo sulla questione dello status symbol. Pure io lo sfizio di qualcosa di Chanel me lo vorrei togliere, solo perchè è Chanel. Non mi sembra una cosa folle, l'importante è non esagerare.

    RispondiElimina
  8. Siamo quasi gemelle sul serio. potrei aver scritto io tutto quello che hai scritto tu (non così bene però :).

    Soprattutto sui video. miiii che palle alcuni. non finiscono mai. :)

    RispondiElimina
  9. @Maria Antonietta: Vero! :)

    @Misato-san: Vado a curiosare fra le tue risposte!
    3. Per le marche vado molto a periodi, qualche anno fa compravo tantissimo da Kiko, poi senza motivo non sono passata per un anno. Mi piacciono Urban Decay, Kiko, L'Oréal (eh, lo so!), Cargo... Ora però sono in fissa con gli smalti.

    7. Più o meno tutto appartiene a qualche multinazionale ormai. Per 20 euro lo smalto deve essere un regalo. Non li spenderei mai!

    @LaDamaBianca: Grazie! Secondo me il trucco aiuta tutti, a meno che non usino il fondotinta del colore sbagliato! :P

    RispondiElimina
  10. @ La Bisbetica

    3. Cargo mai provata, non so perche' ma ha uno stand che non mi attira granche'... ^^

    7. Razionalmente lo so, ma francamente non mi sono mai informata perche' Armani e' marchio non tenuto nei posti che frequento piu' volentieri (anche da Sephora non ce l'hanno, se non alla Sephorona milanese e in poche altre... qui a Torino credo in nessuna, quando gli Eyes to kill mi hanno interessata ho dovuto chiedere dove trovarla, ho detto tutto XD) e inoltre avendo prezzacci... non mi intriga a priori. Quindi diciamo che non ho avuto proprio necessita' di acculturarmi in materia ^^

    RispondiElimina
  11. @RamblinRose: Oddio, il personaggio che descrivi è un must degli espositori di lusso! :D
    Tu hai capito benissimo, io mi riferivo a chi si svena per comprare prodotti al limite delle proprie possibilità con la convinzione "prezzo altissimo = qualità stratosferica" o a chi si stupisce del prezzo esagerato di questi marchi. L'essere esageratamente cari è loro caratteristica intrinseca. Ognuno poi fa ciò che vuole con i soldi.
    Le marche professionali non erano incluse nel mio discorso, anche se pure loro sono un po' gonfiate per noi comuni mortali, praticamente tutte le marche di questo tipo prevedono sconti sostanziosi per truccatori e co.
    Per le unghione: mi auguro di no, infilzerebbero molti innocenti.

    @LAismydream: Chissà come faranno a grattarsi la schiena! :D

    @Daniela Gì: I video di chiacchiere sono ok, almeno lo dichiarano nel titolo. C'è comunque chi riesce ad essere sintetica.

    @Takiko: Togliersi degli sfizi ogni tanto va bene. Non si vive di solo pane!

    RispondiElimina
  12. @Misato-san: Più che informarsi bisognerebbe andare in giro con libroni su marche, sottomarche, ingredienti e altro. Io vorrei provare l'ombretto Lust Red, forse vendono Armani alla Rinascente ma mi servirebbe una scusa per allontanarmi senza comprare.

    @Theallamenta: Grazie, scrivi molto bene anche tu comunque! Youtube ha fatto danni aumentando la durata massima dei video, mio umile parere.

    RispondiElimina
  13. @ La Bisbetica
    secondo me no... basta informarsi quando davvero interessa qualcosa.
    Obiettivamente parlando conoscere tutte le marche e i prodotti non e' possibile, per cui penso che se una persona e' interessata si informa quando ne ha la necessita' ^_^

    Lust Red e' molto bellino anche se personalmente lo ri-creerei con un ombretto di Aleguaras (Reddish Dark) scurito con del nero perche' ci va un sacco vicino... concettualmente siamo la' e mi costa anni luce meno.
    Sono un po' dell'idea che per spendere parecchi soldi su un singolo prodotto questo debba poter essere utilizzato molto e quel colore e' tosto XD

    sul reperimento... boh, alla Rinascente milanese c'e' ma qui mi pare proprio di no, non ho mai ben capito come sia distribuito, potresti tentare anche da Coin pero' (qui non c'e' il marchio, a Napoli si')

    RispondiElimina
  14. @Misato-san: Una notte mi sembrò di vedere lo stand dalla vetrina a Cagliari, mah. Più che acquistarlo, mi interessava vedere se sia identico al #13 della L'Oréal. Dallo swatch di Temptalia direi di no, ma da altri scovati in giro mi sembrano uguali. Se scoverò il dupe sarò piena di gioia!

    RispondiElimina
  15. ahah troppo ridere l'ultima risposta! non le avevo mai "viste" sotto questa veste :D

    RispondiElimina
  16. @Alice: Dai, non sono tutte così! :) Spero.

    RispondiElimina
  17. Molto carino questo Tag.
    Anche io preferisco i blog ai filmati anche se alcuni miei articoli sono piuttosto lunghi, devo ammetterlo! :P
    appena avrò un po' di tempo ti ruberò il tag!!

    RispondiElimina
  18. @Manuki: Ruba, ruba! :)
    Ma finché un articolo è informativo va bene dilungarsi, il problema è che in alcuni video abbondano chiacchiere e tempi morti.

    RispondiElimina
  19. Quante verità ^^
    E le unghie a stiletto dove le hai pescate?! Meno male che non le ho (ancora) viste a spasso (qualche buon dupe sì però ;D )

    RispondiElimina
  20. @Cipria: Le unghie a stiletto le vidi per la prima volta in un post del blog Accidiosa V, da poco le ho riviste sul sito della Nfu-Oh e mi hanno ispirato la risposta! :)

    Fortunatamente non le ho viste dal vivo, non oso pensare che succederebbe se una donna-stiletto gesticolante mi urtasse per sbaglio!

    RispondiElimina
  21. Bellissimo post, adoro questi tag, spesso sono occasioni di confronto e discussione in modo intelligente e divertente.
    Sulla questione "lusso" la penso come te, senza contare che se ben si guarda, sono proprio le case cosmetiche di lusso che lanciano trend e nuove mode che creano mercato per se stesse e anche per le marche meno di lusso che sul loro esempio lanciano prodotti più abbordabili. Vogliamo parlare del caso Chanel? La maison ormai è maestra in queste cose, quanti dupe possiamo rintracciare dei loro colori? Non credo prprio che si tratti di un caso, come viene proposto un nuovo colore si scatena la caccia al dupe, basta vedere quanti smalti gialli ci sono in questo momento in commercio, se uno ci pensa un po' su, si rende conto che non è un caso ;)
    Miracoli di un marketing ben fatto :)
    Posso prendere questo tag per postarlo anche sul mio blog? Segnalerò che viene da "arsenico e vecchi rossetti" :D
    Passa anche dal mio blog se ti va http://whatsinmybag3.blogspot.com/
    ciaooooo

    RispondiElimina
  22. @A.G.: Certo, prendi pure il tag.
    La mania dei dupe Chanel a mio parere è un po' eccessiva, inseguiamo addirittura un colore "difficile" come il giallo!

    RispondiElimina
  23. @la bisbetica

    fatto :) nel post vi è un link che rimanda direttamente ad "arsenico e vecchi rossetti" :)
    se ti va passa a trovarmi :)
    ciaoooo

    www.whatsinmybag3.blogspot.com

    RispondiElimina

I commenti sono sempre graditi, ma niente spam, "Ci seguiamo a vicenda?" e link non pertinenti o la furia di Chuck Norris si scatenerà contro di voi!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...