domenica 31 luglio 2011

Un grande punto interrogativo: È necessario il kabuki?

Credits

Inauguro con imbarazzo questa sotto-specie di rubrica: solitamente sono le beauty bloggers a rispondere ai quesiti delle loro lettrici e non viceversa. Già, il grande punto interrogativo (che nome da concept album di rock italiano fine anni novanta! Cuore rosso) troneggia sulla testa della sottoscritta e sarete voi a risolverlo!

Dieci giorni fa ho visitato Sephora sperando di trovare qualcosina di sfizioso in saldo. Non c’era un granché ma vicino alle casse ho visto il fondotinta minerale in offerta a cinque euro. Pensando che tra qualche giorno sarei andata ad un concerto dall’altra parte della Sardegna e la tabella di marcia non prometteva nulla di buono per la tenuta del trucco (partenza alle quattro, un’ora e mezza di auto sotto il sole e musica fino a notte inoltrata) mi sono detta: “È un segno!”. E ho acquistato il fondotinta.

Dimenticandomi che non ho un kabuki. E infatti il risultato si è visto: il giorno del concerto mi sembrava di avere addosso solo la cipria. E, ironia della sorte, faceva così freddo che avrei potuto usare il fondotinta Clarins senza problemi. Annoiato Lamenti a parte, prima di incolpare il fondotinta vorrei essere sicura di averlo usato con un pennello idoneo. E prima di acquistare un kabuki (o riciclare il fondotinta minerale come cipria) vorrei essere sicura di non avere già un pennello adatto.

Perciò eccovi il quesito: tra tutti i miei pennelli viso per i prodotti in polvere quale pensate sia meglio per stendere il fondotinta minerale? O sarebbe il caso di acquistare un kabuki a basso prezzo (accetto suggerimenti)?

1 – Smashbox #24 Buffer brush. Introdotto in esclusiva con il set Vanity (edizione limitata 2007), ha le setole dense e non troppo flessibili ma morbide sul viso. Non ho idea dell’uso al quale sia destinato, l’ho solo provato qualche volta, lavato e abbandonato nella custodia. Lunghezza setole 2,5 centimetri, diametro 3 centimetri.




2 – “L’Oréal” pennello cipria. Ho inserito la marca tra virgolette in quanto è uno di quei pennelli che regalano durante le promozioni in profumeria, marchiandolo ogni volta differentemente a seconda dell’offerta. Le setole non sono morbidissime sulla pelle ma sono lunghe, flessibili e abbastanza dense. Dall’odore che emana durante il lavaggio direi che sono naturali. Lunghezza setole 4 centimetri, diametro circa quattro centimetri.



3 – Sephora Platinum #44 Stippling brush. Ormai introvabile in Italia, è un pennello duo fibre (le bianche sintetiche, mentre le setole nere sono di capra) morbido e fermo. Le fibre sintetiche non sono però molto dense. Lo uso con il fondotinta fluido ma è ottimo anche con i fard molto pigmentati e appariscenti. Lunghezza setole 4 centimetri, diametro 3 centimetri.




4 – Catrice Powder Brush. Dalla forma ovale e appiattito dall’avanti all’indietro, ha le setole folte e morbide. L’ho usato poco e non avendolo con me al momento non posso fotografarlo e dirvi le dimensioni, San Google aiutaci tu!

Se non avete voglia di commentare c’è il pratico sondaggio nella barra laterale! Con la lingua fuori Ringrazio in anticipo chiunque vorrà aiutarmi.

AGGIORNAMENTI: Riporto qualche risposta ai commenti (grazie!) che mi avete scritto e che può interessare chi eventualmente vorrà rispondere.

Innanzitutto specifico che la prima prova col fondotinta minerale Sephora l'ho fatta utilizzando goffamente il pennello "L'Oréal". Datemi della babba, ma era quello che più mi ricordava il kabuki! :D

Ho fatto un giro in cerca di kabuki economici (meno di dieci euro) e non ho trovato nulla, a parte Sephora, ma i prezzi erano comunque troppo alti. Non ci speravo tantissimo, qui a Cagliari è un'impresa trovare pennelli da trucco, figuriamoci un kabuki dall'aspetto non troppo scrauso.

AGGIORNAMENTI PARTE II: Grazie a tutte!  Ho usato il pennello Smashbox che mi avete consigliato e ho seguito i video linkati da D. e finalmente ci son riuscita!!! Rispetto alle mie aspettative il fondotinta copriva discretamente, anche se per le occhiaie necessito comunque del correttore. L'unico problema è stato l'interazione con il solare che avevo applicato in precedenza, HQ Viso Protezione 50, forse un po' troppo pesante per fungere da base in agosto. È ancora presto per trarre conclusioni e non vorrei sbilanciarmi, ma in base all'utilizzo di questi giorni mi sembra che il minerale Sephora non abbia nulla da invidiare a fondotinta classici destinati alle pelli normali.

venerdì 29 luglio 2011

Recensione: Bottega Verde Scrub Corpo ai sali del Mar Morto


Nulla è meglio di uno scrub per rendere la pelle liscia e pronta per i tipici riti estivi: abbronzatura e depilazione… Vantando un effetto tonificante, lo scrub ai sali del Mar Morto di Bottega Verde sembra essere un ottimo alleato per la bella stagione. Manterrà le promesse?

mercoledì 27 luglio 2011

Sono aperte le pre-iscrizioni all’Associazione Beauty Bloggers Italia!



Vi ricordate dell’Associazione Beauty Bloggers Italia, nata da un’idea di Des, blogger di Trucchi Svelati? Ne avevo parlato in un post di qualche tempo fa. I lavori continuano ancora (e se siete interessate potete contribuire) e sono aperte le pre-iscrizioni. Maggiori informazioni e i criteri d’ammissione finora approvati li trovate sul forum.

martedì 26 luglio 2011

Recensione: Nfu-Oh smalto Opal #56

Stanche dei soliti smalti? Il numero 56 di Nfu-Oh è una bacchetta magica che li trasformerà…

domenica 17 luglio 2011

giovedì 14 luglio 2011

Recensione e swatches: smalti Kiko in edizione limitata 348, 317, 343

Da sinistra: #343 Verde Primavera, #317 Rosa Antico Scuro, #348 Verde Mimetico
Tempo di saldi in casa Kiko! Per aiutare a decidervi tra le oltre 140 tonalità di smalto in offerta eccovi un’altra puntata di swatches e recensioni. Questa volta è il turno di tre colori in edizione limitata. Se vi foste perse le puntate precedenti, eccovi la recensione degli smalti #347, #326, #333, #338 e quella dell’eyeliner in gel collezione Kaleidoscopic Optical Look. Trovate inoltre altre idee per gli acquisti nelle mie recensioni dei cosmetici Kiko.

domenica 10 luglio 2011

Ponderando: Cinque cose sulle quali non vale la pena di riflettere troppo




1) Le celebrità nude per la PETA mi fanno imbarazzare in quanto vegetariana essere non mangiante carne. Credono davvero che Pamela Anderson possa sensibilizzare sulla crudeltà dietro le pellicce? Mah.

Gnam! Credits

2) Stop all’abbandono di esseri umani di genere maschile fuori da Sephora o, peggio ancora, al coatto trascinamento all’interno del negozio. Sono creature anche loro.

3) Ripetete con me: “pescato” è participio passato del verbo pescare e non un colore, “pescato” è participio passato del verbo pescare e non un colore, “pescato” è participio passato del verbo pescare e non un colore!!! O volete fare questa figuraccia?

Credits

4) Dopo aver segnalato un errore grammaticale/linguistico, il Karma vuole che ne compiamo uno a nostra volta. Dunque eriamo e non pensiamoci piu.

5) Il volume del livello dello stereo è inversamente proporzionale alla cultura musicale dell’ascoltatore. In simboli V= k/C, dove V è il volume dello stereo, C la cultura musicale dell’ascoltatore e k una costante di proporzionalità. Non è fantascienza, venite a casa mia a sentire ciò che sparano gli stereo dei vicini e ve ne renderete conto.

Avete altri argomenti?

lunedì 4 luglio 2011

Segnalazione: Forum dell’Associazione Beauty Bloggers Italia

A tutte le beauty bloggers interessate all’Associazione Beauty Bloggers Italia segnalo il forum dedicato. Iscrivetevi per discutere il regolamento insieme. Se non sapete di che si tratta leggete il post di Des di Trucchi Svelati che ha avanzato la proposta e ha creato il forum.

Partecipiamo!

venerdì 1 luglio 2011

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...