domenica 9 ottobre 2011

Acquisti del giorno parte II: E.l.f., SpaRitual e Nubar + opinioni sugli smalti B3F

SpaRitual Love Your Planet Duo
Ecco l’ultima parte dedicata agli acquisti autunnali, come al solito conditi da qualche chiacchera. Questa volta in particolare ho sentito il bisogno di condividere anche qualche riflessione sugli smalti Big 3 Free (senza formaldeide, dibutilftalato e toluene). Se volete leggere soltanto quest’ultima parte, andate in fondo al post.
Ho fatto il mio primo ordine e.l.f., approfittando dello sconto segnalatomi da una lettrice (grazie!). Spedizioni gratis e Stipple brush in omaggio. Peccato che il codice italiano non funzionasse e quello europeo non scalava l’importo completo delle spese di spedizione. E, causa fine settimana, nessuno rispondeva sulla pagina Facebook e.l.f.. L’offerta rimaneva allettante (non ne avrei usufruito altrimenti), ma non è la prima volta che leggo di codici italiani non funzionanti. Se non lavorano il fine settimana perlomeno dovrebbero accertarsi che tutto sia a posto o rimborsare successivamente le cifre che andavano scontate.

Lo Studio Stipple Brush e.l.f. in omaggio.

Elf custodia pennelli Studio
La custodia per pennelli e.l.f.

Il pacco è arrivato presto e i pennelli (kabuki viso, pennello da correttore e duo fibre, tutti linea Studio) sembrano di buona fattura. Il kabuki è morbidissimo. Peccato che le confezioni li abbiano “spettinati”, ma credo basti lavarli per rimettere le setole in sesto. Sono solita conservare gli imballaggi, ma le confezioni di plastica emanano un odore nauseabondo. E la custodia per pennelli ha addirittura un tanfo peggiore. Se ve la cavate con ago e filo fatevela da voi, sarà più bella e profumata!

E.l.f. Studio Concealer Brush.

E.l.f. Studio Face Kabuki.

Da FeelUnique.com ancora smalti: il bellissimo, verdissimo (ed esaurito) duo Love your Planet della SpaRitual e il Nubar Violet Sparkle. Entrambe le marche sono famose per aver fatto del B3F (Big 3 Free) la loro bandiera. B3F indica appunto smalti senza tre composti chimici, accusati di essere tossici per il nascituro e irritanti (Dibutyl Phthalate), irritanti e potenzialmente cancerogeni (Formaldeide), tossici per inalazione e, di nuovo,  per l'embrione (Toluene). Non mi pronuncio sulla parte scientifica, quello su cui vorrei discutere è usare questa informazione per pubblicità. A mio parere non è un modo chiarissimo di spingere i propri prodotti: trovo già la tattica di evidenziare sostanze non contenute piuttosto “fumosa”, per assurdo potrei vantare che i miei smalti non contengano bile di dragone o mozzarella di bufala campana. Altri punti discutibili: il dibutilftalato è stato bandito dall’Unione Europea da alcuni anni (fonte) e la formaldeide (che non è vietata) viene impiegata quasi esclusivamente negli smalti rinforzanti. Rimane il toluene, ma forse avere un ingrediente dannoso in meno non è figo come non averne tre. L’ultima conferma arriva leggendo la composizione delle altre marche: quasi nessuno (soltanto un Chresy #12 - arancio con micro-shimmer dorati - contiene il toluene, mentre le altre colorazioni della marca in mio possesso sono a posto) degli smalti da me acquistati negli ultimi tre anni contiene gli ingredienti incriminati. Neppure marche da supermercato senza velleità ecologiche. Addirittura un vecchissimo smalto Pupa (8-10 anni) e due Maybelline (6 anni) sono B3F.

Nubar Violet Sparkle (molto meno blu in realtà).

SpaRitual Love Your Planet Duo.

Trovo che sia alquanto sleale nei confronti dei consumatori cercare di apparire diversi dai concorrenti vantando una caratteristica che ormai sembra essere lo standard del settore, soprattutto se parte di questo requisito è obbligo di legge. Cosa ne pensate?

14 commenti:

  1. sì poteva fare la differenza qualche anno fa, ma ormai, quando una caratteristica diventa lo standard, per distinguersi bisogna puntare a ben altro

    RispondiElimina
  2. In effetti non hai tutti i torti! Se la maggior parte degli smalti ormai in commercio sono Big 3 Free è un po' inutile porre l'accento su questo fatto. D'altra parte per farsi pubblicità a qualcosa devono pur attingere, e questa secondo me è una scelta come un'altra. Non possono certo dire "il nostro smalto è come milioni di altri", altrimenti che pagano i pubblicitari a fare? ^^

    RispondiElimina
  3. Anche io ho il Face Kabuki di ELF e lo trovo ottimo :) In generale tutti i pennelli della linea studio sono ottimi

    RispondiElimina
  4. che acquisti interessanti! Come interessante la riflessione sulla quale sono fondamentalmente d'accordo. Proprio sabato mi hanno dato un campione di una crema sephora che vanta l'assenza di parabeni e poi dentro ci sono un sacco di sostanze che io personalmente preferirei evitare.
    In questo caso poi affermare che uno smalto oggigiorno possa addirittura essere "planet friendly" mi sembra eccessivo con tutto quello che contengono. Packaging e marketing qui hanno un po' esagerato e sicuramente fuorviano il consumatore meno attento.

    RispondiElimina
  5. Una valanga di smalti e affini :)
    Volevo chiederti una cosa, come ti trovi con gli smalti Nubar?
    Ciaoo :)

    RispondiElimina
  6. Begli gli smalti *_* ma effettivamente ormai quasi tutti gli smalti sono senza queste sostanze e quasi tutti sono vegan (io controllo sempre prima di acquitare ^^).
    Riguardo lo sconto elf, il codice per avere il pennello valeva solo se acquistavi 2 blush in crema, lo so perchè anch'io avevo fatto le prove XD

    RispondiElimina
  7. Ah, mi hai aperto un mondo (pericoloso) citando quell'e-store (Nubar <3, Burt's Bees...).
    Per quanto riguarda il B3Free, al momento l'unica marca che so non essere "pulita" è la Models Own che contiene Toluene, ma di solito non è che vada a leggere le etichette, lo ammetto!

    RispondiElimina
  8. @Chiara Glycine: Proprio perché pagano i pubblicitari ci sarebbe da aspettarsi qualcosa che non faccia leva sull'ignoranza dei consumatori. Le collaborazioni con personaggi famosi, destinare parte dei proventi in beneficienza, i nomi accattivanti, una cartella colori sterminata (che molte marche già possiedono), una filosofia del brand intrigante (vedi A-England)... Certo molte (tutte?) le manovre di marketing possono essere discutibili, ma questa a mio parere lo è più di altre.

    @Manuki: Già, non sono ecologici affatto. Tanto che in teoria nessuno smalto dovrebbe essere buttato tra i rifiuti domestici, neppure nel secco. Io li tengo da parte e ho intenzione di portarli all'isola ecologica del mio comune ma so già che mi prenderanno per matta.

    @A.G.: Con i due Nubar che ho provato non benissimo. Di Greener ho già postato la recensione, di Peacock Feathers devo ancora selezionare le foto ma ti anticipo che il mio è acquoso, non copre bene e, dopo quattro passate, il colore è diventato troppo scuro e ha perso in bellezza. Su una base "gommosa" come l'Aqua Base di Nfu-Oh invece è perfetto dopo sole due passate, ma è comunque un prodotto difficile da reperire e costosetto, l'unico dupe di cui sono a conoscenza è l'Orly Bonder ma anche questa base è cara e non si trova facilmente.

    Insomma, dei Nubar finora posso dirti che hanno bei colori ma non li ho trovati facili da stendere.

    @RaelDelMare: Sul vegan non l'avrei detto, pensavo che i viola e i rossi contenessero il solito carmine. La mail elf metteva i due blush come suggerimento, il pennello gratis me lo hanno mandato, il problema è che usando il codice europeo scontava l'importo delle spese dal sito europeo, che sono minori rispetto al nostro. Alla fine non andrò in rovina per 1,30 euro però se le spese devono essere gratis, che sia così!

    @Maisenzasmalto: Se vuoi uno sconto chiedi pure! :)
    Io le leggo più per curiosità, sono ancora più stramba!

    RispondiElimina
  9. Grazie mille per l'informazione, ero molto curiosa perché scorrendo le colorazioni disponibili, ho visto che ci sono tanti colori interessanti ma in pochi ne parlano e prima di fare un acquisto volevo l'opinione di qualcuno che li avesse provati.
    Mi pare di capire che sono smalti difficilotti. Aspetto la recensione di questo :)
    ciaoooo

    RispondiElimina
  10. Sono d'accordo in linea di massima per il fatto dei Big3, ma: ho smalti che si vantano di essere 3bigfree e poi contengono resina di formaldeide, sulla quale i pareri sono decisamente discordanti; inoltre in qualche smalto che ho io il toulene c'è, ora non sono a casa ma appena posso ti faccio sapere le marche.

    RispondiElimina
  11. @RamblinRose: Non ho citato le resine di formaldeide perché non sono incluse nei Big3 (ci sarebbe però il Big4Free) e perché il discorso in questo caso si addolcirebbe: perlomeno sono sostanze non vietate e di impiego comune negli smalti.

    Grazie, sei gentilissima! A parte gli smalti molto vecchi, io ne ho trovato solo uno col toluene, ma compro sempre le solite marche ed è comprensibile.

    RispondiElimina
  12. gli smalti noubar mi hanno sempre colpita...
    concordo con la tua riflessione! ci si fa "belli" per poco

    RispondiElimina
  13. @Alice: Anche a me, la loro gamma di duochrome è immensa... E non parliamo della collezione composta da smalti verdi! :Q___

    RispondiElimina
  14. Voglio provare gli smalti spiritual, mi incuriosiscono!

    RispondiElimina

I commenti sono sempre graditi, ma niente spam, "Ci seguiamo a vicenda?" e link non pertinenti o la furia di Chuck Norris si scatenerà contro di voi!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...