giovedì 19 gennaio 2012

Recensione: e.l.f. Studio Brush Case/Custodia per pennelli

e.l.f. Studio Brush Case
Chi preferisce acquistare i pennelli singoli, presto o tardi dovrà acquistare qualcosa per conservarli. La custodia e.l.f. sarà un’accogliente casetta per i preziosi strumenti da trucco?

Prezzo: 5,80 euro
Rivenditori: Elf Cosmetics Italy
Provenienza: Made in China

Dal sito e.l.f.: Questa custodia per pennelli è ideale per ogni makeup artist o appassionata di trucco. Perfetta e comoda anche per un ritocco veloce, ti permette di portare sempre con te i tuoi pennelli preferiti senza occupare troppo spazio. L’astuccio è resistente all’acqua e può contenere un'intera collezione di pennelli per il trucco. Include dieci scomparti per pennelli.
La custodia, confezionata in una bustina di plastica richiudibile, è rettangolare, di tessuto sintetico color antracite e dal design sobrio: l’unica personalizzazione è la zip marchiata e.l.f. Per questo motivo mi è facile confondermi e aprire la custodia al contrario. Le dimensioni (secondo il sito 17,8x3,2x22,8 cm chiusa, 17,8x3,2x22,8 cm aperta), simili a un astuccio per penne e matite, e il peso contenuto rendono questa custodia ideale per viaggi e brevi trasferte.

La custodia è impermeabile e basta un panno inumidito per rimuovere facilmente la maggior parte delle macchie di cosmetici, può comunque essere lavata per una pulizia più accurata. All’interno, chiusi da elastici larghi, sono presenti dieci scomparti, due dei quali più piccoli: tutti possono comunque contenere un pennello dal manico voluminoso o più pennelli sottili. Di quelli in mio possesso, solo il kabuki non riesce a star comodo in questa custodia e.l.f. Questa soluzione permette di  conservare e trasportare molti pennelli in uno spazio ridotto, ma, dato che le setole vengono a contatto fra loro, possono sporcarsi se tutti i pennelli non sono stati appena lavati. Per evitare questo è possibile avvolgere le setole in pezzi di carta e usare un foglio per separare le due file di pennelli.

e.l.f. Studio Brush Case
e.l.f. Studio Brush Case.

Probabilmente avrei acquistato un’altra custodia e.l.f., se avessi riscontrato solo questi problemi facilmente risolvibili. Ciò che mi ha dissuaso è l’odore di questo accessorio. Un odore chimico forte e acre, capace di impestare una piccola stanza in poco tempo. All’inizio ho provato a lasciare la custodia aperta sul davanzale della finestra per qualche giorno; dal momento che la puzza non diminuiva ho optato per il lavaggio, che l’ha indebolita ma non eliminata. Col passare delle settimane (e un altro lavaggio) per fortuna il tanfo è percepibile solo avvicinando il naso alla custodia e ai pennelli in essa contenuti.

Chiamatemi pure “quella con la puzza sotto il naso”, ma consiglio di trovare altre alternative, magari provate il fai da te (o il fa-la-mamma/nonna/suocera…), o riciclare un vecchio astuccio.

18 commenti:

  1. E' la seconda volta che sento di lamentele circa il profumo di queste custodie..mi sa tanto che li lascio nel mio portapenne riciclato i pennelli:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il portapenne è un'ottima idea, io purtroppo ho il problema della polvere e dell'umidità, devo per forza tenere i pennelli al chiuso.

      Elimina
  2. La questione dell'odore è importantissima! Di sicuro ci penserò due volte prima di prenderne una allora ;D Review molto utile, grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di nulla, grazie a te per l'attenzione!

      Elimina
  3. io ne ho una simile presa da crownbrush ottima per farsi il proprio set di pennelli portatile!! a leggere la tua review penso che questo puzzi proprio di petrolio peccato :-(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Puzza peggio della benzina! Grazie del suggerimento, devo provare questi pennelli.

      Elimina
  4. Il primo pensiero che mi viene in mente è: ma che diavolo di materiale usano per fare questo astuccio? e con che coraggio lo vendono corredato di puzza malefica?
    Trovo sia un peccato, perché comunque è stata una spesa e ti ritrovi con un oggetto e puoi avvicinare solo con la molletta al naso.
    Grazie della segnalazione :)
    Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ora non posso controllare, ma mi pare che fosse fatta di poliestere e poliuretano, l'interno è uguale al materiale di cui sono fatti ombrelli e mantelle impermeabili. Ma quelli sono inodori.

      Elimina
  5. eh no, se puzza io proprio non posso comprarlo!! Mi viene la nausea sicuro!! per ora quando viaggio metto i pennelli puliti in un astuccio e mi porto via il brush cleanser di kiko! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io usavo un altro porta-pennelli, ma stavano diventando troppi. Lo avessi saputo, avrei evitato anch'io.

      Elimina
  6. Oddio, non è molto rassicurante che puzzi così. Mi chiedo che materiali usino per simili astucci, bah.
    Comunque sul mio blog ti ho conferito un premio :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Castalia, vado subito a controllare!

      Elimina
  7. anche io ti ho premiata se ti và passa pure a vedere XD

    RispondiElimina
  8. C'è un award per te sul mio blog!

    RispondiElimina
  9. È compatta e spaziosa, sarebbe comodissima se non puzzasse come una fabbrica chimica! ;)

    RispondiElimina

I commenti sono sempre graditi, ma niente spam, "Ci seguiamo a vicenda?" e link non pertinenti o la furia di Chuck Norris si scatenerà contro di voi!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...