sabato 8 settembre 2012

Tag Curiosone by Giada/GoddessInspired

Autore: Nota @ sxc.hu
Qualche settimana fa sono stata invitata da Giada/GoddessInspired di Personalità Multiple a rispondere ad undici, interessanti domande. Curiose?

1) Quali sono tre tra i tuoi libri preferiti e perché?
Premetto (con immensa vergogna) di essermi re-interessata alla lettura solo di recente, di conseguenza ho mancanze imperdonabili e devo ancora costruirmi un’identità di lettrice.
Ho apprezzato molto William S. Burroughs (ho letto Pasto Nudo e Il biglietto che è esploso); contengono argomenti e linguaggio “per stomaci forti”, ma trovo il suo stile ipnotizzante, quelle che paiono frasi sconnesse riescono a trasmettermi molto più di molte pagine scritte in maniera “convenzionale”.

Un libro che mi ha colpito e commosso profondamente è Un oscuro scrutare di Philip K. Dick (del quale esiste una buona trasposizione cinematografica, ma non fate l’errore di guardarla prima di leggere il libro!). Quando ero bambina (anni Novanta) il problema della tossicodipendenza era palese, e anche i più piccoli venivano “messi in guardia” contro il pericolo (leggi: il drogato, più che una vittima, era il nuovo babau). Non ho dovuto aspettare di crescere per rendermi conto della violenza di questi maldestri caveat; mi chiedevo che cosa avessero fatto questi “bambini cresciuti” affinché i loro genitori li abbandonassero e ricordo il terrore al pensiero che, un giorno, avrei potuto essere abbandonata anch’io. E poi tutti si chiedevano perché non sorridessi mai. Paranoie personali a parte, questo libro (scritto nel 1977 e ambientato nel 1994) parla di loro: persone che, se hanno commesso un “peccato”, è quello di aver voluto divertirsi per sempre (bellissima definizione dell’autore). Ha anche risvolti politici, filosofici e psicologici, che la sottoscritta sicuramente apprezzerà a pieno rileggendo il romanzo quando avrà ampliato la sua cultura (e magari non sentirà più il nodo alla gola alla sola vista della copertina).

Infine, Arancia Meccanica di Anthony Burgess. Mi irrita constatare come alcuni ne fraintendano (eufemismo, diciamo pure che sono incapaci di comprendere) il significato, prendendolo come un elogio della violenza.

2) Quali sono tre tra i tuoi film preferiti e perché?
Scelta difficilissima! Sono una mangia-film insaziabile (pur avendo, anche qui, le mie belle lacune), non riesco neppure più a comprendere il concetto di “genere preferito”.
Il primo che mi viene in mente è Mysterious Skin, di Gregg Araki. Duro e sconcertante, eppure poetico e delicato al tempo stesso, racconta le storie di due ragazzi molto diversi, ma segnati dalla stessa violenza. Non ringrazierò mai abbastanza chi me l’ha segnalato (se dovessi leggere: non prendermi alla lettera, facevo per dire!).

The Rocky Horror Picture Show. C’è davvero bisogno di dire perché?


Zombi, di George Romero. Dico solo che, mentre molti sognano di passare la giornata con la modella/il bellone di turno, io fantastico di rifugiarmi all’Auchan vicino casa (reparto bricolage, grazie) durante l’invasione dei morti viventi. À chacun son goût.

3) Quali sono le cose nella vita che ti fanno pensare che la magia debba esistere?
Sono pragmatica e, alla magia, preferisco le “fredde” scienze. Essendo figlia di una donna-maga (non pensate a Wanna Marchi, la mia è una strega buona e disinteressata!) forse era naturale che mi ribellassi in questo modo.

4) Qual è la tua più grande passione?
Non saprei… Mi capita di appassionarmi a qualcosa (o, meglio, a più cose contemporaneamente) e di trascurarla dopo poco tempo, magari ripescandola dopo anni, per poi gettarla via nuovamente. Forse gettare via è la mia vera vocazione.

5) Se potessi scegliere quale sarebbe il lavoro dei tuoi sogni?
Non lavorare! A bocca apertaA parte le battutacce, non sono dell’idea che “se trovi un mestiere che ami, ti sembrerà di non lavorare un solo giorno”; mescolando lavoro e passione forse si rischia solo l’avversione verso ciò che un tempo era un diletto. Suppongo sia naturale il rapporto conflittuale con la propria attività lavorativa; del resto è un’imposizione: o produci (e guadagni) o muori di fame… Un incubo!

L’ideale sarebbe trovare il perfetto compromesso tra tempo destinato al lavoro, tempo libero e retribuzione economica. Ritengo estremamente stupido sgobbare da mattina a sera per potersi permettere, ad esempio, un megaschermo al plasma che non ti godrai mai, perché ormai casa tua è l’ufficio. Purtroppo, in realtà capita troppo spesso che si fatichi mattina e sera per un tozzo di pane, e dovresti pure ringraziare per questa “opportunità”.

6) In quale posto diverso da quello in cui vivi ti piacerebbe trasferirti e perché?
Non provo attrazione verso “l’estero”; forse perché sono molto introversa e tendo a preoccuparmi più delle problematiche che scaturiscono dalla mia testolina. In particolare, ogni volta che ho desiderato allontanarmi, volevo fuggire da me stessa. Se sarà possibile, mi piacerebbe rimanere in Sardegna; altrimenti va bene qualsiasi posto non troppo freddo, con poco traffico e un buon assortimento di cibi pronti vegetariani nei supermercati. Il resto d’Italia non lo considero tra le opzioni: se proprio dovrò sentirmi straniera, che succeda in un paese diverso dal mio.

7) Cosa apprezzi di più in un'amica?
La capacità di ascoltare, di comprendere e di cercare un punto di incontro. Non solo nelle amiche, ma in tutte le persone.

8) In che cosa ti consideri veramente brava?
Domandona… Forse nel cazzeggio. Come (e quanto) cazzeggio io, non cazzeggia nessuno. Scherzi a parte, dalla regia mi dicono che so ascoltare ed immedesimarmi negli altri, forse troppo.

9) Quanto ti importa del giudizio degli altri?
Un tempo, tantissimo: ho passato periodi molto infelici cercando di diventare una persona diversa, pur di farmi accettare. Pur essendo conscia che è impossibile non curarsi affatto del giudizio altrui, ora ne sono molto più indipendente e sto cercando di rimettere insieme i pezzi della mia personalità. Trovo difficilissimo esprimere questi concetti, finisco per parlare come un cartellone pubblicitario!

10) Se potessi dominare il mondo cosa faresti?
Premerei il tasto RESET.

11) Se potessi vedere realizzati tre desideri quali sarebbero?
Vorrei essere alta un metro e settantasette, conoscere in anticipo le domande degli esami e… La pace nel mondo? A bocca aperta

Avevo già risposto ad uno di questi tag e proposto le mie undici domande… Dato che nessuno vi ha risposto, riciclo!
  1. Quanto tempo è necessario per farti un’idea precisa di un cosmetico?
  2. Cosa ne pensi della nail art?
  3. Qual era il tuo cartone animato preferito?
  4. C’è qualche casa cosmetica introvabile in Italia che ti piacerebbe provare? Se sì, quale?
  5. Cosa ne pensi della chirurgia estetica?
  6. Confessa il nome del personaggio (dello spettacolo, dello sport, della politica, ecc.) che più ti sta antipatico e perché.
  7. Sei cioccolato-dipendente?
  8. Cosa ne pensi della cosmetica cruelty-free?
  9. Che strumenti usi per bloggare? Solo il PC o ti aiuti anche con smartphone e altri dispositivi?
  10. Una settimana senza Internet: un dramma o una liberazione?
  11. Utilizzi Facebook col tuo nome reale?
Siete tutte taggate!

10 commenti:

  1. Mi piacciono le tue domande, magari uno di questi giorni rispondo al tag :) anch'io sono una ex bambina degli anni '90 messa in guardia contro i drogati... ricordo che ero terrorizzata dalla pubblicità della tipa con gli occhi bianchi!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un trauma infantile, era pure nei miei libri di testo! Della serie "come indottrinarli fin da piccoli".

      Elimina
  2. Ho risposto al tuo Tag :) La tua risposta sul giudizio altrui la condivido anche io, non parli da cartone pubblicitario, assolutamente!

    RispondiElimina
  3. Ale spero non ti crei un problema, rispondo direttamente qui alle tue domande, mi sono considerata taggata :)
    1)Dipende dal tipo di cosmetico, per le creme viso ad esempio mi basta anche una settimana perché la mia pelle reagisce subito con bollicine ed abbondante oleosità se non è adatta a me, per gli altri prodotti minimo minimo un mesetto.
    2)Alcuni tipi mi piacciono, ma sono per le cose semplice, la Caviar o come si chiama ad esempio la trovo orribile, mentre trovo molto bella quella fatta come le Louboutin nero sopra e rosso sotto.
    3)Mila&Shiro, Holly&Benji, Hilary la ginnasta
    4)Qui per qui non mi viene in mente nulla...sarà che tante marche reperibili in Italia io non riesco a trovarle nella mia città quindi preferirei trovare prima quelle.
    5)Favorevole solo per i casi disperati e seri, non appoggio la chirurgia fatta solo per tirarsi su le chiappe o gonfiarsi le tette
    6)Dello spettacolo Barbara D'Urso, dello sport Antonio Cassano, della polita tutti, della musica Gigi D'Alessio, ce ne sono anche tanti altri. Il perchè bè la D'Urso è ridicola, Cassano perché lo vogliono far passare come un fuoriclasse ma se fosse stato tanto bravo sarebbe esploso (come si dice nel calcio) quando aveva 20 anni e se non lo ha fatto a suo tempo, di certo non può farlo adesso, è inutile che i giornalisti continuano ad esaltarlo. Della politica, oddio è troppo lungo come discorso; mentre Gigi D'Alessio mi è sempre stato antipatico a pelle, non lo posso vedere.
    7) No per fortuna anche se mi piace tantissimo posso stare anche mesi e mesi senza toccare cioccolato
    8)La apprezzo tantissimo e cerco il più possibile di acquistare prodotti non testati sugli animali, ma purtroppo non sempre si capisce bene se un prodotto lo è o no.
    9)Uso solamente il pc perché non ho altro. Mi piacerebbe poter comprare l'iPad ma costa troppo O_O per le mie tasche.
    10)Entrambe! Ci sono stata per un paio di settimana all'inizio dell'estate ed i primi 2/3 giorni è stato traumatico, poi mi sono organizzata ed ho occupato il tempo leggendo, preparando le recensioni per il blog e così via.
    11)Si, ho il mio profilo personale ma anche quello per il blog che si chiama appunto come il blog.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nessun problema, anzi! :)

      1) Uh, a me per le creme serve sempre tantissimo; per fortuna non ho problemi, ma ho "il blocco della beauty blogger" in questi casi.

      5) Il problema è che pure seno e sedere possono far disperare una persona, ovviamente non è il caso di chi lo fa solo per entrare nel mondo dello spettacolo (sigh!). Si capisce che la mia prima di reggiseno non mi va giù? :)

      6) Concordo con la galleria degli orrori!

      9) Io riesco ad arrangiarmi anche con agende, fogli di carta e registratori portatili, lol! Certo che un iPad sarebbe comodo...

      Grazie per aver risposto!

      Elimina
  4. Ah dimenticavo, mi piacerebbe leggere il libro di Philip K. Dick, anche io sono cresciuta in quel periodo ed era un argomento che veniva trattato spesso a scuola, sia droga che alcool. Il destino ha voluto che mi innamorassi proprio di un ragazzo che ha avuto problemi con l'alcool per anni e che solo un anno fa è entrato in clinica per disintossicarsi e ad oggi continua a seguire una cura farmacologica con assistenza psicologica e psichiatrica annessa. Purtroppo tante troppe volte queste persone vengono trattate da schifo ed insultate senza neanche sapere per quale motivo si siano ridotte in quello stato e cosa li ha spinti ad abusare di tali sostanze.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fammi sapere se ti piacerà!

      Esatto, credo anch'io che bisogna sempre tenere a mente l'aspetto umano di queste problematiche, soprattutto nel caso di educatori e medici.

      Elimina
  5. il tag è molto carino. anche io ho ripreso a leggere da poco!! xD quindi non vergognarti :) come mi rivedo in alcune delle tue risposte cara. come si fa a non curarsi del giudizio altrui? eheh! e anche io son maestra nell'arte di gettar via...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mal comune, mezzo gaudio?

      Tra l'altro, è (anche) per il giudizio altrui che smisi di leggere: ero stanca di passare per secchiona, pensa tu... Per fortuna ho realizzato che non era quella la mia strada; se tornassi indietro avrei portato la bandiera dell'orgoglio secchione con onore!

      Elimina

I commenti sono sempre graditi, ma niente spam, "Ci seguiamo a vicenda?" e link non pertinenti o la furia di Chuck Norris si scatenerà contro di voi!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...