domenica 23 settembre 2012

Tag: Un mio vecchio cimelio


Buona domenica! Ho deciso di partecipare a questo tag, lanciato da La nocciolina fashionista, che ho trovato sul blog di Misato-san/A lost girl. Qual è lo scopo di questo tag? Prendendo in prestito le parole della sua creatrice,

Capita anche a voi di avere un qualcosa tra i vostri trucchi, prodotti cosmetici e perché no, anche capi d'abbigliamento, che stanno lì sotto ai vostri occhi per anni, ma che nonostante ciò avete sempre ignorato, e che allo stesso tempo non avete il coraggio di buttare?
REGOLE DEL TAG:
È molto semplice.
Basta individuare tra le cose che avete (come dicevo prima: make up, abbigliamento, cosmetici, accessori), quella più vecchia e inutilizzata. Scattarne qualche foto e scrivere un post. Magari raccontando di quando l'avete comprata, che periodo della vostra vita o che episodio particolare vi ricorda, in che occasione l'avete usata, perché ancora non l'avete buttata. Diciamo che la parte argomentativa è molto libera. Non ci sono cose specifiche da raccontare. È solo così, un'idea per conoscerci meglio e per scambiare un po' di opinioni.


Da brava pseudo-collezionista di cianfrusaglie/vera maniaca ossessiva, ho in casa diversi oggetti che si prestano bene a questo tag; ne ho scelto due in particolare per la loro storia. Curiose?
Vi presento l’ombretto Color Appeal Holographic #104 Bronze Metéorite e il gloss Glam Shine Holographic #38 Gold Holographic, entrambi della L’Oréal. Risalgono a otto anni fa – circa – e facevano parte di una collezione (Holographic, appunto) che comprendeva ombretti, gloss, smalti e addirittura mascara contenenti particelle cangianti. Gli smalti e molti ombretti erano duochrome: una vera figata per l’epoca (probabilmente non sfigurerebbero neppure oggi); ancora rimpiango di non aver acquistato l’ombretto viola/blu cangiante Ultra Violet…Ma torniamo in tema!

L'Oréal Color Appeal Holographic #104 Bronze Metéorite
L'Oréal Color Appeal Holographic #104 Bronze Metéorite

L'Oréal Glam Shine Holographic #38 Gold Holographic
L'Oréal Glam Shine Holographic #38 Gold Holographic. L'ho agitato e rimescolato per bene affinché non riusciate a capire quanto ne manca... Già, non era raro vedermi in giro con le labbra marron/verdognole.

L’ombretto è un bronzo chiaro satinato, a seconda della luce assume caldi toni rosati o decisi riflessi verde muschio. Il gloss è molto simile: per nulla dorato, è un marrone ricco di glitter, molti dei quali cangianti,. Questi ultimi assumono colore dorato o verde a seconda della luce. E si tratta di un riflesso verde ben visibile, anche sulle labbra. Imbarazzato Li paragonavo alle scritte bicromatiche anticontraffazione delle banconote, se non ricordo male quelle sulle cinquantamila lire possedevano tonalità simili.

L'Oréal Glam Shine Holographic #38 Gold Holographic
Figo, eh? Per la cronaca, lo smalto è Where is the party? di Essence, presto su questi lidi.

L'Oréal Color Appeal Holographic #104 Bronze Metéorite
Al sole...

Questa accoppiata, assieme a una tonnellata di matita nera, mascara e ad uno smalto grigio scuro metallizzato, faceva parte del look da me scelto per una festa scolastica. Il resto non era meno sconvolgente. Avevo abbinato un’aderentissima maglietta a maniche corte arancio fluo, un paio di tronchetti in pelle nera dalla punta squadrata, tacco alto e con dei lacci very fetish e, pezzo forte dell’outfit, dei pantaloni grigio antracite in bizzarro materiale sintetico luccicante (poliuretano?). Come se il “tessuto” non li rendesse abbastanza eccentrici, lo stilista (!?) vi aggiunse delle vistose cinghie laterali, che permettevano di accorciarne a piacimento l’ampia gamba; la porzione superiore invece fasciava cosce e sedere come se non ci fosse un domani. Appena li vidi tra gli scaffali di un negozio di jeanseria (già, niente shop alternativo) me ne innamorai follemente. Purtroppo non posso mostrarvi codesta meraviglia, ringraziamo mia madre… In lacrime

L'Oréal Color Appeal Holographic #104 Bronze Metéorite
Sì, è sempre lo stesso ombretto!

Vi starete chiedendo che razza di feste allucinate frequentassi ad appena 16 anni… E invece si trattava della solita festa scolastica barbosa con birra, pizza e vodka alla fragola di infima qualità (non toccai nulla di tutto ciò: ci vuole un fisico bestiale per i pantaloni in poliuretano, sapevatelo), in cui l’attività principale è diffondere l’EBV il gioco della bottiglia. Al quale non partecipai: il gloss è appiccicoso, l’amica che sta male, ospiti a cena, un piede in cancrena (cit.)… Scherzi a parte, ma l’avete visto l’EBV? Sorpresa
Chissà perché, l’anno dopo non fui invitata e, chissà per quale strana coincidenza astrale, mi sentii decisamente sollevata.

L'Oréal Color Appeal Holographic #104 Bronze Metéorite
Orgogliosamente duochrome dal 2004!

Eccezion fatta per le feste meste (cit.), mi manca quel periodo. Soprattutto quella ingenuità che mi permetteva di indossare capi e accostamenti di colori assurdi con infinita naturalezza e nonchalance, senza caricarli di alcun significato o voler fare sfoggio di diversità a tutti i costi. Giusto perché li apprezzavo.
Conoscete qualche rivenditore di pantaloni in poliuretano?

Sarei ben felice di leggere le storie dei vostri cimeli cosmetici (e non), partecipate anche voi al tag! A bocca aperta





30 commenti:

  1. Risposte
    1. Si, è molto carino! Mi piacerebbe leggere dei vostri cimeli.

      Elimina
  2. Uh, ce l'avevo anch'io quell'ombretto, ma all'epoca già andavo all'università! Ricordo che si faceva una fatica assurda ad aprirlo e il pennellino ogni volta schizzava via. Sarei proprio curiosa di vederli quei pantaloni! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io avevo acquistato il primo lotto, mentre ero in vacanza in Francia. Come al solito, noi siamo ritardatari. Se non sbaglio, questo colore era presente sul sito L'Oréal fino a poco tempo fa, chissà che Bronze Metéorite non si possa ancora trovare...

      Mi sarebbe piaciuto farvi vedere i pantaloni, ma mia madre ha deciso di testa sua di buttarli... :( E dire che vive in una casa che è il triplo/quadruplo del mio appartamento!

      Elimina
  3. Sul racconto dell'outfit e della festa sono morta :°D
    Wow però, un ombretto di importanza storica..Magari uno dei primi duochorme! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Ho un po' romanzato la festa... In realtà non sono germofoba, non partecipai al gioco per ragioni più romantiche... Ma meno divertenti!

      Davvero! Se un vecchio videogioco su floppy disk viene venduto su eBay a 300 euro... Perché un ombretto non dovrebbe? :-P

      Elimina
  4. Quando mi imbatto in certe foto, non so se ridere o piangere per come mi conciavo. Chiedo perdono al buon gusto :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, dai: evviva la personalità e lo stare bene con sé stessi! Io questi guru del look e del buon gusto non li sopporto!

      Elimina
  5. Ahahah la parte della festa con relativo look è stupenda! E questo ombretto è davvero particolare!! Io invece ne ho un di cotto di Deborah che è un vero cimelio, risale a 8 anni fa e tutte le volte che mi capita tra le mani faccio finta di non averlo visto per non buttarlo! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! :)

      Se decidessi di scrivere di questo "cotto d'epoca" fammi sapere, sono curiosissima!

      Elimina
  6. molto carino il tag!!! mi sono davvero fatta due risate!!!

    RispondiElimina
  7. sul mio blog c'è un premio per te! ti lascio il link del post! http://eclisse83.blogspot.it/2012/09/love-your-blog.html spero che ti faccia piacere! ciao bacino :*

    RispondiElimina
  8. Ahahhahahahahahahah ommmmioddddio rotolo!
    Dunque, dunque, se dobbiamo parlare di orridi look devo tornare indietro di 14 anni fa: andavo a scuola truccata da vero e proprio bagascione (giusto a scuola mi facevano andare, sono stata sostanzialmente reclusa fino alla maturità, o meglio finché non sono andata a studiare fuori): doppio ombretto (blu/azzurro o viola/lilla), matita Pupa viola scurissimo e rossetto Pupa rosino smorto... Andava di modissima!!!! Questi relitti sono stati buttati ed ora i miei reperti archeologici sono assai simili al tuo: due ombretti della stessa linea (il viola e il turchese) e tre gloss sempre della stessa linea del tuo... Marrone scuro, marrone chiaro e bianchiccio luccicoso. AAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAH!
    Io, con la mia carnagione chiarissima, il mio sottotono rosa, i miei denti mai stati bianchi brillanti coi rossetti MARRONI????? E dire che ne ho buttato uno viola stato avanzato di adipocera da poco...
    Il bianchiccio, nonostante la descrizione inquietante, è in realtà carinissimo, è quasi trasparente e super brilluccicoso, da solo sulle labbra o sopra un altro rossetto è proprio carino.
    Porca paletta, ho scritto un papiro. :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma io amo i papiri, non preoccuparti!

      Oddio, hai l'Ultra Violet? *_* Impazzivo per quell'ombretto, pensa che mi ricordo ancora il nome...

      Anch'io non ero certo un animale da festa, anzi: mi annoio mortalmente anche adesso, piuttosto preferirei pulire la lettiera di tutti i gatti del vicinato, fai tu!
      E neppure io ero truccata bene: fondotinta scurissimo, rossetti lilla metallizzati (indossavo uno di questi quando feci le foto per alcuni documenti che devo mostrare ancora oggi...) e gloss marroni a tutto spiano, nonostante mi stessero da cani. E, conciata così, finii più di una volta sulle tv locali... D'oh! Personalmente non ho nessun imbarazzo retrogrado (si dice? Esiste?), mi fanno impressione le quindicenni già truccate come dive di Hollywood, sarà un luogo comune ma la penso così.

      E il gloss bianchiccio lo conosco bene... Ne ho più di uno! :D

      Elimina
    2. I luoghi comuni spesso trovano ampio ancoraggio nella vita reale! ;)
      Io mi risollevo guardando la figlia (14 anni) del mio capo, è una ragazzina "normale", il suo concetto di trucco è una riga di matita nera sotto l'occhio, e manco sempre, vestita sempre con jeans e t-shirt, pensa al calcio e al disegno. Fiùùùùùùùùùù.

      Ho controllato, ebbene sì, ho l'Ultra Violet!!!!!! Che peraltro ho depottato di recente. Se non fosse vecchio come il cucco te lo invierei, ma ho paura sia un concentrato di potenziali reazioni allergiche. :D

      Elimina
    3. Che pensiero gentile, grazie lo stesso! Mi sono messa il cuore in pace, ormai: prima o poi torneranno di moda gli ombretti duochrome e qualcuno ne tirerà fuori un dupe. Chissà che non sia la volta buona, con questa mania per la palette Neve...

      Santa ragazzina, per fortuna la gioventù non è tutta dedita a spillare soldi al papà per la borsa di marca (eccolo, un altro luogo comune!).

      Elimina
  9. ma pens ache ho buttato un po' di cose qualche tempo fa e non mi è passato per la testa di farne un post...
    chissà se mi è rimasto qualcosa, ma qui si parla di preistoria!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma no, che peccato! Cerca, cerca; mi piacciono le storie dei vecchi cosmetici!

      Elimina
  10. ahahah beata gioventù xD io a 16 anni ero una monaca di clausura sul cessoide andante invece. comunque. questo tag è troppo carino mannaggia a me che non mi decido mai a farlo :)avevo anche io uno di quei gloss mega appiccicosi. marroncino. lo amavo con tutta me stessa xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma neppure io uscivo spesso, anche perché sono un animale solitario, mi trovo a disagio durante feste e nei locali... Ed avevo qualche chilo di troppo rispetto a quanto esigevano i mitici pantaloni, ma me ne fregavo per la maggior parte del tempo. :D

      Io adoro ancora i Glam Shine, appiccicano un poco ma durano molto. Ma cosa aveva 'sto marrone per fare impazzire le ragazzine?

      Elimina
  11. Risposte
    1. Evviva, qualcuno l'ha colta!!! Grazie per aver sottolineato che non infilo piedi in cancrena a vanvera nei post! :)

      Elimina
  12. Che bello questo tag..! quasi quasi lo faccio anche io sul mio blog! :)
    ps Sono una tua nuova follower!

    RispondiElimina
  13. Ahahahahah! Io ho fatto giochi della bottiglia soltanto alle medie: alle superiori erano già passati di moda.
    Avrò usato almeno fino in terza superiore un ombretto marroncino trovato nel cioè e un rosino chiaro chiaro (che mi sa che ho buttato via recentemente) di kiko. E una matita di non so quale sottomarca ma morbidissima, rubata a mia madre.
    Sul look anni '90 primi Duemila stendiamo un velo pietoso: dico solo una cosa: pantaloni blu elettrico con la bandiera americana. *va a sotterrarsi*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mitici i pantaloni stelle e strisce! :D

      Almeno nella mia provincia, non era questione di moda del tempo. Per dire: nessuna delle mie compagne di scuola vestiva in modi astrusi, la divisa era l'accoppiata jeans e maglietta. Era un mio vezzo, slegato da mode musicali, politiche o che. Pensa che avevo anche un gilet bordato di piume... Ahahahah, che roba! Però quei pantaloni li indosserei volentieri oggi, ma solo ai concerti. Lì sono i jeans a "fare strano".

      Elimina
  14. Ho il teal di quella collezione! Rifilato poco fa alla mamma XD
    Io ho colto la citazione dei Marlene Kuntz, ho vinto quaccheccosa?? :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Povere mamme, si beccano sempre i rifiuti delle figlie!

      Uh, se avessi avuto una macchina fotografica decente avrei delle foto di Cristiano Godano dalla prima fila... Naturalmente la mia è un giocattolo e Godano sembra uno spettro... Basta il pensiero? :)

      Elimina

I commenti sono sempre graditi, ma niente spam, "Ci seguiamo a vicenda?" e link non pertinenti o la furia di Chuck Norris si scatenerà contro di voi!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...