venerdì 19 aprile 2013

Tag: I più spesso

Autrice: val-j @ sxc.hu
 Sono stata invitata da Morgana di MakeMeUp e Cristina di Pee Before Polish a partecipare a questo tag, che consiste nel rispondere a dieci domande sui prodotti di makeup che usiamo più spesso. Sto perdendo moltissimi tag e premi sia per impegni, sia per il fatto che, postando poco, preferisco trattare qualcosa di interesse generale come una recensione, piuttosto che parlare di me (che non interesso a nessuno, sob!). Questo tag però capita a fagiolo: da tempo meditavo di parlare dei prodotti che utilizzo di routine e ne colgo l’occasione.

Avvertimento: alcuni prodotti citati sono utilizzati ben oltre il PAO. Non mi ritengo responsabile di eventuali imitazioni di codesto scellerato comportamento.
Clarins Teint Eclat Mat fondotinta
Clarins Teint Eclat Mat. Foto palesemente riciclata.
1 – Il fondotinta che usi più spesso.
L’adorato Teint Eclat Mat di Clarins, nella tonalità 02 Clair Subtil. È fuori produzione, ma sono riuscita ad acquistare alcune confezioni di riserva prima della sua scomparsa definitiva. Questa che vedete è l’ultima in mio possesso. Triste

Benefit Erase Paste 01 Fair correttore

2 – Il correttore che usi più spesso.
L’Erase Paste di Benefit nella tonalità 01 Fair. Preciso che non tutti i prodotti che uso più spesso sono i migliori che abbia provato, addirittura qualcuno non lo trovo neppure un buon prodotto. Questo correttore (che recensirò presto… Non trattenete il respiro nell’attesa, però!) ha un eccellente potere coprente, ma è piuttosto grasso e difficile da lavorare e basta che sbagli di poco le dosi per ritrovarmelo nelle pieghette o, al contrario, per avere le occhiaie ancora in vista. Inoltre, non riesco ad usarlo se prima ho applicato una crema contorno occhi (con poche eccezioni). Voglio provare il metodo di applicazione di Dony/Cipria di Luna prima di recensirlo, ma anche se funzionasse, non riacquisterò questo prodotto per alcuni problemi già citati e altri di cui vi parlerò nel post dedicato.

Urban Decay Primer Potion Original mini base ombretto

3 – Il primer occhi che usi più spesso.
Il Primer Potion Original di Urban Decay, ma è agli sgoccioli e a giorni lo sostituirò col fratello Eden. Ottimo prodotto, merita la fama che lo precede.



Calvin Klein Subliminal Purity Loose Powder 201 Ivory

4 – La cipria che usi più spesso.
Per numero di confezioni acquistate, credo la Stay Matte Transparent della Rimmel regni sovrana. Da un anno uso però una cipria libera, la Calvin Klein Subliminal Purity Loose Powder tonalità 201 Ivory, acquistata per curiosità da Limoni super-scontata causa uscita dal mercato della marca. La confezione è elegantissima, la cipria profuma, ha un discreto potere coprente (per il tipo di prodotto) e, applicata con un pennello senza eccedere, lascia il viso come di porcellana. Ha alcuni difetti: non opacizza a lungo quanto la Rimmel, secca le aree più disidratate del mio viso e fa strani scherzetti nelle foto col flash. Oh, e non finisce più: la foto è stata scattata oggi e potrei spacciarla per nuova nonostante la utilizzi anche quando non mi si può definire “truccata”. Normalmente non acquisto una cipria se non ho (quasi) terminato la precedente e, qualora capitasse, non apro il prodotto nuovo… Ma ho in casa la regina delle ciprie, la Banane T. LeClerc, come diavolo faccio a resistere fino al 2016!?!?!

Bourjois Pastel Lumiere 090 Blanc Diaphane ombretto
È così vintage che non potevo fargli una moderna foto... ;)

5 – L’ombretto che usi di più.
Altro pezzo vintage e interminabile: Bourjois Pastel Lumiere 090 Blanc Diaphane. Un vecchissimo ombretto cotto bianco che utilizzo come illuminante quasi in ogni trucco e anche quando quasi non mi trucco (perdonate la cacofonia) e che, nonostante ciò, non è neppure bucato.

6 – L’ombretto in crema che usi di più.
Non ne possiedo alcuno, a parte robe contenute in preistoriche trousse Pupa che tengo per affetto. Leggo spesso che sono difficili da stendere con i pennelli, e non riesco a truccare gli occhi con le dita.

7 – La palette che usi di più.
Uso moltissimo Stray Dog, contenuto nella Foreshadow Palette di Urban Decay, ma ciò basta a proclamarla come palette che uso maggiormente?

Chanel mascara Inimitable Intense Noir campione gratuito

8 – Il mascara che usi di più.
In questi mesi uso l’Inimitable Intense di Chanel, grazie a vari campioni trovati nelle riviste. Se parliamo di mascara acquistati più spesso, sicuramente il Cil Architecte di L’Oréal Paris, soprattutto nella versione Midnight Black. Non vedo l’ora di smaltire omaggi e campioncini per riacquistarlo, mi manca!

Benefit Thrrrob Rimmel Misty Rose Mono Blush
Altre foto palesemente riciclate. Non credo sia necessario puntualizzare chi è chi! :)

9 – Il fard che usi di più.
Ok, il tag originale diceva la parola con la b al posto di fard. Mi rifiuto di usare la parola con la b. Generalmente accordo il fard al trucco labbra: uso Thrrrob di Benefit con fucsia, rosa e rossi a base fredda e Misty Rose di Rimmel (color pesca ambrato) con i colori caldi. Sto cercando di far fuori il primo e, nonostante contenga una quantità spropositata di prodotto, devo usarne parecchio poiché non scrive e c’è una bella depressione sulla cialda. Vai baby, vai! A bocca aperta  Il secondo invece è un fard che uso con piacere.


Lancôme Rouge in Love 185N L'Oréal Color Riche Serum S106 Glam Shine Juice 160 Cherry Juice
Da sinistra in senso orario: Lancôme Rouge in Love 185N, L'Oréal Color Riche Serum S106, swatch del gloss L'Oréal Glam Shine Juice 160. Non avevo voglia di risistemare da zero le foto e ho riciclato quelle pronte per le recensioni, spero siate comprensive!

10 – Il rossetto/gloss che usi di più.
Ci sono tre prodotti che ricorrono nei miei trucchi. Rouge in Love 185N Rouge Valentine di Lancôme è il rossetto rosso che sto utilizzando di più. Anche a lezione, nonostante la casa produttrice ne raccomandi l’uso “notturno”. Nelle occasioni in cui ho poca voglia/possibilità di truccarmi per bene, preferisco il rossetto Color Riche Siero Antietà S106 Freshly Rosy della L’Oréal, un tenue rosa carne con micro-brillantini. Manco a dirlo, questo prodotto è fuori produzione e sta scomparendo dalle profumerie. Il gloss che uso di più, quando non ho tempo di stendere il rossetto Lancôme con tutti i crismi, è Glam Shine Juice 160 Cherry Juice, sempre L’Oréal. Sta per terminare e credo non lo vendano più, purtroppo. È un mix tra tre prodotti: un gloss lucidissimo e durevole, una tinta per labbra, e un lucidalabbra cambia-colore. Il bello è che sulla confezione c’è scritto solo che è un gloss. Appena applicato è quasi trasparente, ma col passare delle ore diventa rosa acceso (la foto è stata scatta quattro ore circa dopo l'applicazione, ma per qualche ragione le labbra appaiono "scolorite"). Non è pigmentato come un rossetto ma si fa notare.

Non taggo nessuno poiché mi pare che chiunque abbia già partecipato; se non lo avete ancora fatto, citatemi pure come taggatrice. Conoscete qualcuno di questi prodotti? Anche voi siete flessibili con le date di scadenza o le rispettate rigorosamente?

33 commenti:

  1. Oddio l'ombretto di Bourjois è bellissimo *___* la mia passione packaginosa mi porterà a comprarlo, lo so çç° *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma no, è solo il filtro di Picsart che lo fa sembrare figo! In realtà è parecchio rovinato. :D

      Elimina
  2. io sono abbastanza flessibile con le scadenze (facciamo che le leggo proprio poco) a meno che non noto che il prodotto cambia consistenza/odore/colore, a quel punto lo butto alla velocità della luce X)

    ma perchè l'avversione per la parola con la B? sono terribilmente curiosa XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In quel caso pure io butto (o deposito nel cimitero dei cosmetici), per fortuna la stragrande maggioranza delle volte la roba mi scade quando ormai non la uso più da tempo.

      Riguardo la parola con la B: pur non essendo fissata con grammatica, ortografia e compagnia bella, non amo l'uso smodato di termini stranieri. È vero che in questo ambito alcuni sono irrinunciabili (come tradurre swatch? Ma soprattutto: chi cercherebbe il termine tradotto su Google?), ma che bisogno c'era di dire blush al posto di fard? Neppure quest'ultimo è un termine italiano, però è la parola che designa quel cosmetico da decenni nel nostro paese.
      Inoltre, trovo che si causi solo confusione: spesso leggo persone che si domandano quale sia la differenza tra i due (e qualcuno la trova pure! o_O) o di commesse che non sanno che fare di fronte a clienti che pretendono "un blush e non un fard".

      Elimina
    2. *si intromette maleducatamente*

      vorrei conoscere le persone che hanno "scoperto" la differenza tra fard e blush :°D

      quoto Robiwan per quanto riguarda le scadenze

      Elimina
    3. Ma quale maleducazione! :)
      Sono passati secoli, ma se la memoria non mi inganna, qualche scopritore narrò le sue gesta su Answers e su qualche forum. Ho sempre pensato che sia più facile trovare 100 euro per strada che una risposta corretta su Yahoo Answers.

      Elimina
  3. Io sono molto flessibile con le date di scadenza, se una cosa è ancora buona e non è alterata che bisogno c'è di prenderla e buttarla via?!
    Comunque non sei la prima che sento dire che i fard benefit non scrivono: è una vergogna dato che costano 32,50€!
    A presto :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fortunatamente presi quel fard con un forte sconto, ma la delusione è stata comunque grande. Hanno delle belle scatoline, ma per quanto mi riguarda mai più!

      Elimina
  4. Dai, vedrai che alla fine di quel fondotinta ne troverai un altro che amerai ancor di più ;)

    RispondiElimina
  5. A me interessa la tua vita, eh eh!

    RispondiElimina
  6. Io al massimo cerco di non superare i 2/3 mesi dopo la scadenza del PAO, anche se non sempre è facile! Dopo la tua descrizione mi sta passando la voglia di provare l'Erase Paste!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mah, io penso che il PAO di certi prodotti sia a dir poco strano. Ok, il mio ombretto è un'esagerazione, ma per esempio l'Erase Paste ha un PAO di sei mesi, i suoi ingredienti principali sono petrolati e lanolina e contiene anche conservanti... Come può deteriorasi prima di alcuni cosmetici naturali e privi di conservanti? Paradossalmente, il balsamo labbra YesTo dovrebbe mantenere le sue caratteristiche fino a tre anni dopo l'apertura... :-/

      Elimina
  7. Ma perché Clarins ci ha abbandonate?!?!? ç_ç
    Aaaaah cosa mi hai fatto ricordare con quell'ombretto Bourjois! Ne avevo uno con identico packaging ma che era marrone con leggero duochrome verde, acquistato la prima volta che son stata in UK, nel 1998! Ovviamente all'epoca avevo due ombretti in croce quindi l'ho terminato e buttato, che peccato non avere foto ricordo... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Clarins, ti prego, almeno porta in Italia le tonalità più chiare dell'Ever Matte!

      Oddio, il mio non può essere del '98 (avevo 10 anni allora!), ma sicuramente è dei tempi delle superiori... Il giorno che diventerò Toxic Avenger potrete dirmi che me la son cercata!

      Elimina
    2. Cucciola lei! Io nel '98 avevo già 15 anni e mi stavo specializzando nel "trucco velocissimo lontano dagli occhi di mammà". :D

      Elimina
    3. Cucciola, ahahah! Questa te la devo raccontare: durante un tirocinio una signora vedendomi in abbigliamento da lavoro mi ha chiesto l'età sbigottita. "Scusa, sembri una quindicenne!" Se sapesse che a quest'ora dovrei già lavorare... XD

      Elimina
  8. Io non butto finché non vedo qualche mutazione genetica sul mio viso :) scherzo, butto quando cambia la consistenza o l'odore. Il PAO di certi prodotti è troppo breve secondo me.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :D

      Io ho notato alcuni prodotti sui quali invece è indicato un periodo eccessivamente lungo, vedi il balsamo labbra Yes to Carrots (3 anni) e un mascara Cargo che riportava un anno. Temo che alcuni vadano un po' a casaccio...

      Elimina
  9. niente link, niente spam... c'è un premio sul blog...se ti va di ritirarlo sei la benvenuta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille!
      Non ci son problemi a postare un link per un premio o se pertinente, ciò che mi dà fastidio è quando viene lasciato un commento a caso tanto per lasciare il link. :)

      Elimina
    2. ma no, perché odio anche io il concetto di spammare ferocemente, infatti non lo faccio mai.
      pensa che quando ho assegnato un altro premio non l'ho comunicato e ci ho pensato su un paio di giorni prima di comunicarlo alle premiate, non dirglielo sarebbe stato un po' tipo bambina delle elementari "siamo insieme ma lui non lo sa" XD
      Volevo evitare la furia di Chuck Norris non si sa mai U_U
      ps. Io adooooVo il nome del tuo blog *_* (il tuo era uno dei primi che seguivo in forma anonima)

      Elimina
    3. Ma grazie! ^^

      Mi ritrovo in quello che scrivi, la prima volta che assegnai un premio contattai personalmente via mail ogni blogger... Ci misi un sacco di tempo!

      Il nome è stato un colpo di genio e di fortuna, però è anche una seccatura perché non amo le grafiche vintage e rinnovarla è uno strazio.

      Elimina
  10. Io mi sono trovata malissimo con l'erase paste.
    Pieno zeppo di petrolati, mi ha riempito il contorno occhi di grani di milio !!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Immagino, i grani di milio sono odiosi! Per fortuna quelle bestiacce bianchicce hanno abbandonato il mio contorno occhi anni fa. Spero che tu abbia risolto cambiando correttore.

      Elimina
  11. Date di scadenza? Esistono date di scadenza pure sui trucchi? AHahahahahaha
    *risatina isterica*

    Obiettivamente: qualcuno è mai riuscito davvero a terminare un ombretto o un rossetto? :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io io io (a 'mo di ciuchino XD) ho finito svariati ombretti neri...però ti parlo di anni fa, quando era l'unico colore che usavo XD poi un giorno dopo averne finito uno mi sono recata in un negozio kiko per ricomprarne un altro... i risvolti sono materialmente visibili in camera mia....attualmente mi mancano più o meno soltanto una decina di ombretti mono di kiko...senza contare tutti gli altri delle altre marche...
      Per fortuna che le polveri deperiscono meno facilmente (io mi sono autoconvinta che sia così XD)

      Elimina
    2. @Tizy: Anche io ho finito alcuni ombretti! Uno era pure bello grande, gli altri non erano tecnicamente terminati ma la poca polvere rimasta sui bordi si era asciugata e, dato che non erano granché, li ho uccisi senza pietà. Un rossetto no, vanno bene i gloss? :D

      @Marilena: In effetti è facile terminare un ombretto quando si usa solo quello, ma dato che siamo appassionate è difficile che ciò succeda. I prodotti in polvere dovrebbero durare più a lungo, specialmente quelli tradizionali. Non mi fiderei invece di lasciare aperte a lungo roba come l'amido di riso.

      Elimina
  12. Io con le scadenze sono abbastanza elastica, però controllo sempre che odore, colorazione, consistenza siano sempre gli stessi.

    RispondiElimina
  13. Condividiamo il Primer Potion. ;)
    Comunque per rispondere alla tua domanda, io vado ben oltre la presunta data di scadenza, poi vabbè il problema per me si pone principalmente con i prodotti in crema, infatti cerco di tenerli lontano da fonti di calore (vicino la finestra tengo solo quelli in polvere) e ogni tanto li controllo, tranne che per rare eccezioni, anche a distanza di molto tempo li trovo perfetti come il primo giorno, e in quel caso li tengo! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il Primer Potion è un classico!

      Ottimi suggerimenti, anche io conservo tutto in posti chiusi, lontani dal sole e dall'umidità, ed inoltre evito di lasciare roba nelle borse.

      Elimina

I commenti sono sempre graditi, ma niente spam, "Ci seguiamo a vicenda?" e link non pertinenti o la furia di Chuck Norris si scatenerà contro di voi!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...