venerdì 6 dicembre 2013

Recensione: Smalti Kiko 300, 358, 375, 388


Kiko smalti 300 Verde Malachite Perlato 358 Pesca 388 Verde Caraibi
Kiko smalti 300, 358, 388. Il 375 non è presente in foto.
Ehilà! Mi scuso per essere sparita per tutto questo tempo senza neppure scrivere un post esplicativo, purtroppo per me neppure stavolta sono fuggita con un biondone su un’isola deserta, ma è “solo” il classico periodo caotico. Le occhiaie dello zio Fester sono roba da principianti in confronto alle mie e qualche giorno ho dovuto addirittura saltare lezioni e pasti per far stare tutto in una giornata!  Triste Spero di riuscire in futuro a postare più spesso, ma per il momento ho deciso di sacrificare “rubriche”, tag e simili e di impiegare il tempo a disposizione per delle recensioni, più utili dei post appena citati.
Bando alle ciance, oggi parlerò di un cosmetico che ha già fatto diverse apparizioni su queste pagine (264, 298 e 299; 348, 317 e 343; 326, 333, 338 e 347): gli smalti Kiko, con qualche colore inusuale per la sottoscritta (ringraziando madre e sorella per il prestito!).

Prezzo: 2,90 euro Quantità: 11 ml
Rivenditori: Monomarca Kiko e online PAO: 36 mesi
Provenienza: Made in France Colori disponibili: 141

Dal sito Kiko: Smalto ad azione rinforzante e indurente. La texture in gel dona una brillantezza laccata estrema e un grado di fluidità ideale per un perfetto controllo in stesura e una grande facilità di applicazione. Speciali resine facilitano l’aderenza dei pigmenti all’unghia creando un film elastico e resistente che, grazie agli attivi anti usura, amplifica la durata e la brillantezza del colore. Il Citral, un attivo di origine naturale dalle proprietà rinforzanti ed indurenti, sigilla e protegge le unghie creando una corazza di luce inscalfibile. Colori pieni, perlati, metallizzati, con fiamma, glitter e microglitter: qualunque sia l’effetto desiderato, il risultato sarà sempre al di sopra delle aspettative. Ogni sfumatura è calibrata con la massima precisione per ottimizzare la scrivenza, la coprenza e la resa dei pigmenti.
Sospetto che pochissimi in Italia non abbiano familiarità con i Kiko, soprattutto dopo l’iniziativa “1 million fans, 1 million gifts”. Ad ogni modo, un breve riassunto per chi abbia vissuto finora nell’ignoranza: la linea classica Kiko viene venduta in una boccetta a forma di parallelepipedo, più piccola di quanto ci si potrebbe aspettare per uno smalto da undici millilitri e perfetta da conservare senza sprechi di spazio (manna dal cielo quando si possiedono molti smalti). Il tappo non vincerà un premio per l’ergonomia, ma si impugna senza fastidi, e il pennellino a sezione piatta è comodo e preciso.

Riguardo la formula, i quattro smalti che recensisco non si scostano molto dal “tipico Kiko”: autolivellante, consistenza né liquida né troppo densa facile da controllare, copertura perfetta in due/tre passate, asciugatura in pochi minuti, superficie discretamente lucida. Il principale lato negativo, a mio parere, è che questi smalti tendono ad addensarsi a contatto con l’aria: la stesura può diventare difficoltosa se il pennello non è sufficientemente carico di prodotto e/o se si lascia la boccetta aperta per lungo tempo. Nell’ultima frase mi riferisco comunque a situazioni come gesticolare col pennello in aria, dimenticarsi la boccetta aperta o smaltare entrambe le mani di seguito; io stessa sono lenta, ma se non mi distraggo e faccio una mano alla volta lo smalto rimane gestibile. In ogni caso, intingere bene il pennellino è sufficiente per riportare la situazione alla normalità.

Kiko smalto 300 Verde Malachite Perlato
Kiko 300 Verde Malachite Perlato

Il numero 300 Verde Malachite Perlato è piuttosto complesso da descrivere. Il colore di base è un azzurro intenso con un pizzico di verde; in questa base semi-traslucida sono immerse particelle brillanti di diverse grandezze, che appaiono blu o verdi a seconda delle condizioni di luce. A causa di questi giochi di luce, lo smalto in boccetta può sembrare addirittura un teal o dar l’illusione di essere cangiante. Fu per questo che lo scelsi come smalto in omaggio durante la promozione sopra citata.

Kiko smalto 300 Verde Malachite Perlato swatch
Kiko 300 Verde Malachite Perlato, tre passate. Foto scattata al sole.
Kiko smalto 300 Verde Malachite Perlato swatch
Kiko 300 Verde Malachite Perlato, tre passate. Foto scattata in interno, soleggiato.

Sulle unghie, purtroppo, le particelle brillanti sono meno concentrate e il #300 risulta essere una semplice versione shimmer dell’azzurro-con-una-puntina-di-verde della base. Poco a che vedere con la malachite e con il verde: questo è un membro della famiglia dei blu/azzurri a tutti gli effetti.
Data la trasparenza del colore di base, necessita di tre passate per un risultato omogeneo anche in condizioni di intensa luce. Ha una leggera tendenza a mostrare i segni delle pennellate.
Non è un brutto smalto, ma vista la differenza di resa tra boccetta e smalto applicato consiglio di provarlo prima o… di non riporci troppe speranze!

Kiko smalto 358 Pesca
Kiko 358 Pesca. Il colore non è affatto realistico, questo smalto al sole tende ad apparire decisamente troppo pastello. :(

Il numero 358 Pesca (gentile prestito di mia sorella) in boccetta appare come un accesissimo (quasi fluo) color corallo tendente al rosa. Sulle unghie è un filo più scuro, più aranciato e meno acceso, specialmente all’ombra. È un crème, non presenta quindi particelle brillanti di alcun genere. Lo swatch sul sito ufficiale è decisamente falsato.

Kiko smalto 358 Pesca swatch
Kiko 358 Pesca, tre passate. Foto scattata al sole.
Kiko smalto 358 Pesca swatch
Kiko 358 Pesca, tre passate. Foto scattata in interno, nuvoloso.

Le foto ritraggono il risultato dopo tre passate, ma forse due strati abbondanti sarebbero stati sufficienti, se non avessi il vizio di premere eccessivamente il pennello. Con questi colori capita spesso che, dopo un’applicazione “energica”, alcune zone rimangano meno coperte, risultando come linee o macchie scure. Comunque, se ci sono riuscita dopo sole tre mani e nessuna imprecazione, posso dichiararmi soddisfatta.

Kiko smalto 375 Rosa Classico
Kiko 375 Rosa Classico. In questa foto appare più chiaro rispetto alla realtà.

No, l’inferno non gelerà presto: specifico che neppure il numero 375 Rosa Classico è mio, ma appartiene a mia madre. È un rosa antico crème e, come lo smalto precedente, risulta un filo più scuro una volta applicato. A seconda delle condizioni di illuminazione, sembra mostrare toni malva o vagamente beige. Chiedo scusa per le foto non fedelissime e l'applicazione oscena: non vivo con mia madre, ma vado a farle visita poche volte al mese, e come potrete immaginare non ho potuto dedicare molta cura a queste immagini.

Kiko smalto 375 Rosa Classico swatch
Kiko 375 Rosa Classico, due passate. Foto scattata all'aperto, cielo coperto.

Kiko smalto 375 Rosa Classico swatch
Kiko 375 Rosa Classico, due passate. Foto scattata in interno, nuvoloso.

Copre molto bene già dalla prima passata, ma ho preferito aggiungerne una seconda per avere un colore più pieno e una superficie più levigata e lucida (nelle mie buone intenzioni). Molto longevo anche sui miei tartassati artigli, è davvero un ottimo prodotto. Peccato sia rosa! Con la lingua fuori

Kiko smalto 388 Verde Caraibi
Kiko 388 Verde Caraibi.

Col numero 388 Verde Caraibi ho avuto sfortuna: la boccetta, acquistata poco dopo l’uscita di questo colore e in apparenza integra, conteneva uno smalto densissimo e inutilizzabile causa miriadi di bolle. Mi ero rassegnata ad usarlo come arma chimica base per crackle e altre schifezze, ma miracolosamente si è fluidificato ed è (ri?)diventato come qualsiasi altro smalto Kiko. In boccetta Verde Caraibi appare come un verde trifoglio con minuscoli brillantini azzurri.

Kiko smalto 388 Verde Caraibi swatch
Kiko 388 Verde Caraibi, due passate. Foto scattata al sole. Ignorate le bolle prego: nessuna delle foto scattate in esterno dopo la fluidificazione dello smalto si salvava, e son dovuta ricorrere a quelle vaiolose.

Kiko smalto 388 Verde Caraibi swatch
Kiko 388 Verde Caraibi, due passate. Foto scattata in interno, cielo coperto.

Colora bene già dalla prima passata ma trovo che necessiti di una seconda stesura per coprire in maniera uniforme. Le particelle brillanti si distribuiscono in modo assolutamente omogenea sull’unghia ma, poiché lo smalto non è dei più lucidi, trovo che un topcoat sia un’aggiunta doverosa per far risplendere al meglio i riflessi azzurri. A causa di questi, talvolta pare quasi un teal, ma non è un vero duochrome. Rimane comunque un verde molto grazioso e particolare.

La durata è molto buona per tutti – da cinque a sette giorni – , in particolare si sono distinti il 375 e il 388. Consiglio tuttavia l’utilizzo di un buon topcoat: una manicure che dura a lungo non significa soltanto avere lo smalto aggrappato alle unghie, ma anche che esso appaia brillante a distanza di giorni. Trovo infatti che i Kiko (il 300 più degli altri) non brillino particolarmente in questo aspetto, specie su unghie lunghe continuamente soggette a piccole flessioni che producono microcrepe nello smalto. Tutte le tonalità illustrate si rimuovono facilmente e senza lasciare macchie.

Trovo che i Kiko coniughino qualità, prezzo economico, quantità, assortimento di colori e reperibilità in maniera molto buona, e questi quattro non fanno che confermarlo. La formula non è certo miracolosa come illustra la casa (l’effetto rinforzante non l’ho mai riscontrato) e può essere migliorata, ma per le sopra citate caratteristiche questi smalti rimangono la mia prima scelta quando non voglio/posso spendere tanto.
INCI #358 e #375: Butyl Acetate, Ethyl Acetate, Nitrocellulose, Adipic Acid/Neopentyl Glycol/Trimellitic Anhydride Copolymer, Acetyl Tributyl Citrate, Isopropyl Alcohol, Acrylates Copolymer, Stearalkonium Bentonite, Styrene/Acrylates Copolymer, N-Butyl Alcohol, Benzophenone-1, Silica, Diacetone Alcohol, Disiloxane, Trimethylpentanediyl Dibenzoate, Polyvinyl Butyral, Citral. +/- May Contain: Polybutylene Terephthalate, Synthetic Fluorphlogopite, Mica, CI 77891 (Titanium Dioxide), CI 19140 (Yellow 5 Lake), Silica, Polyethylene Terephthalate, Calcium Sodium Borosilicate, Alumina, CI 15850 (Red 7 Lake), Calcium Aluminum Borosilicate, CI 15850 (Red 6 Lake), CI 77510 (Ferric Ammonium Ferrocyanide), CI 77007 (Ultramarines), CI 77499 (Black Iron Oxide), Ethylene/VA Copolymer, Acrylates Copolymer, CI 15880 (Red 34 Lake), Polyacrylate-4, CI 77266 (Black 2), CI 77491 (Red Iron Oxide), CI 77742 (Manganese Violet), CI 74160, CI 77000 (Aluminium Powder), CI 11680, CI 74260, CI 77163 (Bismuth Oxychloride), Sodium Oxide, Calcium Oxide, CI 47005, Tin Oxide, CI 60725 (Violet 2), CI 42060 (Blue 1 Lake), CI 12085 (Red 36).

INCI #300 e #388: Butyl Acetate, Ethyl Acetate, Nitrocellulose, Adipic Acid/Neopentyl Glycol/Trimellitic Anhydride Copolymer, Acetyl Tributyl Citrate, Isopropyl Alcohol, Acrylates Copolymer, Stearalkonium Bentonite, Styrene/Acrylates Copolymer, N-Butyl Alcohol, Benzophenone-1, Silica, Diacetone Alcohol, Dimethicone, Trimethylpentanediyl Dibenzoate, Polyvinyl Butyral, Citral. +/- May Contain: Polybutylene Terephthalate, Synthetic Fluorphlogopite, Mica, CI 77891 (Titanium Dioxide), CI 19140 (Yellow 5 Lake), Silica, Polyethylene Terephthalate, Calcium Sodium Borosilicate, Alumina, CI 15850 (Red 7 Lake), Calcium Aluminum Borosilicate, CI 15850 (Red 6 Lake), CI 77510 (Ferric Ammonium Ferrocyanide), CI 77007 (Ultramarines), CI 77499 (Black Iron Oxide), Ethylene/VA Copolymer, Acrylates Copolymer, CI 15880 (Red 34 CA Lake), Polyacrylate-4, CI 77266 (Black 2), CI 77491 (Red Iron Oxide), CI 77742 (Manganese Violet), CI 74160, CI 77000 (Aluminium Powder), CI 11680, CI 74260, CI 77163 (Bismuth Oxychloride), Sodium Oxide, Calcium Oxide, CI 47005, Tin Oxide, CI 60725 (Violet 2), CI 42060 (Blue 1 Lake).
Gli smalti 300, 358 e 375 sono stati ricevuti in omaggio durante una campagna promozionale. I giudizi espressi in questo post sono la mia sincera opinione non influenzata dall’omaggio. Per ulteriori informazioni consultate il disclaimer.

21 commenti:

  1. Bentornata! Io non ho uno smalto di Kiko! Mi sembra che il rosa somigli al nuovo smaltino della Limited Edition di Pupa...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Cavolo, sono così fuori dal giro da aver dovuto googlare la nuova collezione di Pupa. O_o Il Kiko sembra molto più chiaro, ma non avendo visto quelli Pupa dal vivo non si è mai sicuri.

      Elimina
  2. Welcome back! ^.^ hai scelto proprio dei bei colori :) baciii

    RispondiElimina
  3. E' un piacere rileggerti! Di questi ho il Pesca e il Verde Malachite Perlato... Quest'ultimo lo adoro letteralmente! E' stato uno dei miei primi smalti Kiko e non lo indosso da un casino di tempo perché nel frattempo è arrivata l'orda satanica dei 10000 fratellini con conseguente strabordamento del cassetto degli untrieds. :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie!

      L'orda satanica è un'immagine stupenda, mi figuro gli smalti arrivare minacciosi con sottofondo di musica classica e invadere casa... Naturalmente non opporrei resistenza ad un'invasione del genere!

      Elimina
  4. Hai dei colori veramente molto belli!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! La prossima puntata (sperando nel beltempo e nella robusta costituzione delle mie unghie) a mio parere sarà migliore: verdi, verdi e ancora verdi! <3

      Elimina
  5. Il blu e il verde sono bellerrimi!

    RispondiElimina
  6. Hai degli artigli con la A maiuscola!
    A me piace quel verde ma non so se lo userei (mia sorella invece lo adora). Preferisco il rosa di tua madre.. :)
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ale! Purtroppo, avevo degli artigli (grazie mille tirocini obbligatori, almeno si imparasse qualcosa!).

      Beh, puoi sempre regalare il verde a tua sorella e scroccarglielo ogni tanto! ;)

      Elimina
  7. Bentornata tesoro!
    Mi domandavo dove fossi finita, mancavi! =)
    Il blu e il verde sono meravigliosi, se non avessi millemila tonalità simili li comprerei al volo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Tizy! Anche voi e il blog mi mancavate! <3

      Non essere crudele: gli smalti sono molto socievoli e vivono male senza dei colori simili accanto! XD

      Elimina
  8. Bentornata!!! Credo di avere il 300 (da qualche parte) e mi hai proprio stuzzicato con quel verdino caraibico (che sarebbe in buona compagnia qua da me ;-)). A proposito, son morta dal ridere con quel "No, l'inferno non gelerà presto" :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Aly! Giuro, erano anni che non indossavo uno smalto rosa senza brillantini aggiunti, che shock!

      Elimina
  9. Sono troppo carini questi colori, gli smalti Kiko hanno un ottimo rapporto qualità\prezzo, io ne ho tantissimi!

    RispondiElimina
  10. Gli smalti di kiko sono la mia passione! MI avete fatto venire voglia di comprarne uno! Vado subito!

    RispondiElimina

I commenti sono sempre graditi, ma niente spam, "Ci seguiamo a vicenda?" e link non pertinenti o la furia di Chuck Norris si scatenerà contro di voi!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...